Arredare e ristrutturare con il legno


Il legno, uno dei materiali pricipi nel campo dell’arredamento, è spesso protagonista di ristrutturazioni e lavori di recupero. Unisce le linee armoniose della natura con la duttilità tipiche del materiale. Vediamo quattro esempi in cui il legno domina la scena.

Nella villa del magnate

1Su una collina, vicino a Villennes-sur-Seine, c’è una villa dove l’architetto Olivier Chabaud è intervenuto nella sua ristrutturazione e nell’arredamento di tutti gli ambienti domestici. Gli elementi sono tagliati in modo tale da mantenere la continuità delle venature del legno di iroko. Nel complesso, il progetto comunica solidità e calore. Possiamo ammiralo a questo collegamento.

Punto d’unione tra gli stili

2Con il legno è possibile sperimentare e far convivere un arredamento moderno ed elegante con una struttura antica, con limiti oggettivi alla libertà del rinnovo. Una villa del Seicento, situata sulla più elegante collina torinese, è stata oggetto di un interessante intervento di ristrutturazione e di interior design da parte dell’architetto Matteo Casalegno. La scelta dei materiali per gli elementi d’arredo non presenti originariamente è avvenuta secondo il principio dell’integrazione armoniosa delle trovate, dello sperimentare. L’uso del legno, in particolare mostra come sia possibile rinnovare innovando. Un vero esempio, da ammirare a questo collegamento.

Romanticismo e razionalità

3In una vecchia fattoria della Borgogna, il legno è protagonista: l’obiettivo era conservare il più possibile l’architettura originale per realizzare un’abitazione di vacanza semplice e in contatto con la natura. Dopo aver studiato la struttura, gli architetti della Maison O hanno scelto di affidarsi a una serie di artigiani e falegnami locali per la realizzazione dei mobili. Il risultato è un’abitazione razionale e geometrica, che però al romanticismo. Ammiriamola in questa pagina.

La filosofia del calore

4La filofia del “calore” invece, è quanto anima questo progetto di arredo. Come in questo interessante appartamento a Limone Piemonte, realizzato dall’architetto Giorgio Giani, dello studio Giani e Pavesi, a Varese, e caratterizzato dal grande utilizzo del legno di rovere piallettato a mano. Accanto ai pavimenti, ai soffitti e alle pareti rivestiti in legno di rovere, spiccano così materiali come pietra e vetro di concezione più contemporanea. Un insieme di legno a perdita d’occhio che se, da una parte, razionalizza l’ambiente, dall’altra contribuisce anche a scaldarlo, a renderlo accogliente e familiare, ad evitarne un’eccessiva spersonalizzazione. Gustiamoci la vista di questi ambienti a questo collegamento.