Enoturismo “eco-friendly”

di Maria Paola Gianni

Arrivare nella suggestiva sede di Tenute SalvaTerra, a San Pietro in Cariano, significa immergersi nel cuore della Valpolicella Classica, tra eccellenti vini come Amarone, Ripasso Superiore e Valpolicella, assolutamente da provare, grazie a degustazioni mirate e a visite guidate lungo l’ampia struttura, a cura di Silvia Coati.

La cantina SalvaTerra propone un’offerta “su misura” e, grazie a tecniche produttive a basso impatto ambientale, è diventata sempre più “green”.

Un viaggio enologico tra i vitigni autoctoni tipici della Valpolicella come Corvina, Rondinella, Corvinone e Oseleta.

La cantina SalvaTerra si trova nella provincia veronese, all’interno di Villa Giona, una residenza del XVI secolo oggi adibita anche a struttura alberghiera.
La villa è circondata da cipressi, ulivi, muretti a secco e vigneti ai piedi di uno dei paesi più affascinanti dell’intera Valpolicella, Castelrotto.
Territorio, storia, architettura sapientemente dosati in un equilibrato blend da degustare accanto a una delle referenze simbolo della cantina: l’Amarone Campocroce top di gamma di Tenute SalvaTerra.

L’azienda vanta numeri di sicuro successo grazie a una storica famiglia produttrice, i Furia, dotata di grande competenza imprenditoriale.
Non a caso chiude il 2019 con un numero record di visite: oltre diecimila presenze registrate nel corso dell’anno a testimonianza di un importante lavoro dedicato alla valorizzazione territoriale che da alcuni anni si pone tra i principali obiettivi.
Numeri che crescono in termini di visite anche grazie alla “modularità dell’offerta”.

Tenute SalvaTerra è, infatti, specializzata nel creare “esperienze degustative tailor made”, del tutto personalizzate a seconda delle esigenze.

Dalla classica degustazione guidata con visita alla cantina agli eventi, dalla formazione outdoor all’orienteering, per proseguire con i matrimoni, ai quali si aggiunge una crescente attività legata al turismo congressuale e fieristico.

[penci_blockquote style=”style-2″ align=”none” author=”Giancarlo Lechthaler, AD Tenute Salvaterra”]SalvaTerra è un’azienda dalle grandi potenzialità in termini di numeri e soprattutto di qualità. Eccellenza qualitativa e valorizzazione territoriale sono gli obiettivi che la tenuta ha fatto propri e in tale direzione da qualche anno ormai ha dato vita a una serie di ‘buone pratiche’ in grado di ridurre al minimo l’impatto ambientale, a fronte di produzioni pluripremiate in Italia e molto ricercate all’estero. La nostra forza, tuttavia, resta l’unicità del paesaggio dove sono distribuiti i nostri vigneti.[/penci_blockquote]

La struttura, dunque, si conferma location di riferimento nel cuore della Valpolicella, scelta non solo dagli italiani, ma anche dagli stranieri.

I visitatori esteri che prediligono questa destinazione provengono principalmente da Europa, Stati Uniti e Canada.

Cosa cercano gli enoturisti che giungono qui?

Un vero e proprio “assaggio” del territorio: la Valpolicella Classica intesa come insieme di sapori, storia e territorio. La struttura, sebbene immersa nei vigneti, è ben collegata dalla rete stradale: ecco perché qui sono spesso ospitati eventi legati al turismo congressuale di Verona.

Il vino naturalmente resta il protagonista: dai rossi strutturati della blasonata tradizione veronese, come il morbido ed elegante Amarone Campocroce fino ai vini più freschi adatti a un consumo quotidiano come la linea Falia.
Indiscussa la qualità delle produzioni come testimoniano i numerosi riconoscimenti ottenuti nel tempo.
Ma è l’approccio in vigna che rappresenta la grande svolta.
Nel 2014, grazie all’ingresso di nuovi investitori, l’azienda ha intrapreso un ambizioso progetto di valorizzazione territoriale e qualitativa: attualmente, grazie all’impiego di tecniche produttive a basso impatto ambientale, è sempre più orientata a produzioni green ed eco-friendly.

Tutti gli interventi nelle vigne, infatti, si basano su pratiche vitivinicole, strategie e interventi in grado di ridurre l’impatto verso l’uomo e l’ambiente con lo scopo di ottenere produzioni economicamente sostenibili ed ecocompatibili, uve di qualità prodotte con precise finalità enologiche e commerciali per una loro piena valorizzazione tecnica ed economica. Eco-friendly docet.

Indirizzario web:

Tenute SalvaTerra

Approfondimenti:

Leggi la nostra sezione Viaggi e Sapori per scoprire tanti altri luoghi interessanti.

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 33,00 €

Partner

I più letti

Arredi iconici per interni d’autore

Il gruppo di maestranze composte da artigiani eccellen...

Stile Toscano sul Lago di Garda

L'azienda Tecnostile protagonista di una ristrutturazi...

La casa vista lago è anti-crisi

Ritornano gli investitori e i prezzi salgono. L’affare...

L’antico fascino della cultura francese

L’interior designer Michelle Opperman e il marito fann...

Vivere fuori Milano

Vivere fuori Milano: ecco dove conviene

Tra Monza e Brianza, vivere fuori dalla città più che u...

Ville&Casali su Instagram