Pubblicità
Pubblicità

Il piacere del cotto all’esterno

di Daniela Giambrone

Il piacere del cotto all'esterno

Naturale, calda, affascinante: l’argilla torna a sedurre

Dopo anni di minimal contemporaneo, nelle costruzioni si sta riscoprendo il fascino della tradizione. Ed ecco che il cotto torna a sedurre. Non solo negli interni, ma anche in esterno, dove può essere impiegato per piazzali, corti interne, scale, terrazzi, marciapiedi e bordi piscina. La versione fatta a mano con argilla non macinata, come si usava fino alla prima metà dell’Ottocento, è quella preferita dall’interior designer Riccardo Barthel che spiega: “Questo tipo di cotto ha due grandi vantaggi: col tempo l’aspetto migliora e necessita di pochissima manutenzione”. Rispetto al gres, egli aggiunge, “risulta meno scivoloso e offre la possibilità di mostrare il proprio spessore tagliato, per esempio nelle scale. Per contro, il suo difetto sta nella porosità. Per la manutenzione, consiglio di pulirlo dalla borraccina con un’idropulitrice”.

In commercio ci sono poi prodotti, a base di cera o ad acqua, specifici per la cura dei vari tipi di cotto outdoor. Vissuto in generale come materiale classico, Barthel sottolinea che “ci sono alcuni formati e schemi di cotto che possono sposarsi benissimo con stili più contemporanei”. E regala un consiglio prezioso per la posa: “il cotto fatto a mano deve essere fugato il meno possibile, non più di quanto le irregolarità obblighino a fare. Fondamentali sono anche colore e grana della stuccatura. Non scegliamo gli stucchi già pronti compatti e colorati, né quello grigio cemento. Lo stucco ideale deve avere una grana più grossa e un colore vagamente giallo”.

Il piacere del cotto all'esterno

Terreal

La linea di cotto Forme Piane del brand SanMarco è realizzata solo con materiali naturali, argille lavorate a mano che così assumono una superficie ruvida e irregolare. Lasciate cuocere ed essiccare come vuole la tradizione, acquistano resistenza contro il logorio del tempo.

www.terreal.it

Il piacere del cotto all'esterno

Maro Cristiani

Cotti rigorosamente fatti a mano, in formati diversi: le mattonelle sono infatti proposte in forme classiche rettangolari o quadrate, ma anche più particolari come la esagonale, a listello o losanga.

www.cristiani.it

Il piacere del cotto all'esterno

Sugaroni

L’antica fornace Sugaroni lavora tramandando un know how che risale al 1685. oltre 1200 formati, diverse finiture ed effetti di complemento costituiscono un’offerta completa, attenta all’ambiente e alla qualità.

www.sugaroni.it

Il piacere del cotto all'esterno

Maestri del Cotto

L’azienda si distingue per cotti fatti a mano e a legna che rispettano antiche tradizioni. argille di profondità umbre e senesi sono infatti lavorate secondo il metodo etrusco, per ottenere il massimo della qualità.

www.maestridelcotto.it

Il piacere del cotto all'esterno

Palazzo Morelli

Sono tante e tutte affascinanti le combinazioni offerte dall’azienda. in foto, una superficie in terracotta toscana tradizionale e terracotta in pasta bianca ispirata al motivo del tessuto Vichy.

www.palazzomorelli.it

Il piacere del cotto all'esterno

Fornace De Martino

Con una tradizione che risale al 1479, la fornace di Salerno oggi produce cotto classico, in pasta e decorato. In foto, un’applicazione di quest’ultimo nell’hotel le Sirenuse di Positano.

www.fornacedemartino.it

Il piacere del cotto all'esterno

Cerasarda

La linea dei cotti fatti a mano è costituita da un supporto in terra rossa spesso quasi 2 cm abbinato a smalti trasparenti. I piccoli formati, in particolare il triangolo e il rombo, rendono ancora più esclusiva la collezione.

www.cerasarda.it

Il piacere del cotto all'esterno

Cotto Possagno

Tutta la tradizione del veneziano nella linea fatto a mano che offre l’azienda, in cui il cotto rosato di Possagno è grande protagonista.

www.cottopossagno.com

Il piacere del cotto all'esterno

Ceramica di Vietri Francesco De Maio

Le maioliche in cotto fatto a mano offrono una gamma di colori vastissima che permette la realizzazione di decori vividi, esaltati dalla lunga cottura in forni ad alta temperatura per tre giorni.

www.francescodemaio.com

Articolo pubblicato su Ville&Casali maggio 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.