Una sintesi riuscita perfettamente


 

Il paesaggista Lucio Piunti ha realizzato un piccolo giardino che circonda un villino in un grazioso centro nella parte più meridionale delle Marche. “Qualche anno fa”, racconta lo stesso Piunti, “il terreno intorno all’edificio appena ultimato aspettava di essere adeguatamente sistemato. Questo insiste su un’area dove vigneti e oliveti sono fortemente presenti, caratterizzando il paesaggio”.

L’essenzialità delle forme e del colore della villetta ha suggerito al paesaggista, per il progetto del giardino, un’opera di ‘compensazione’: le bianche linee pure del costruito trovano cornice nel verde prato e nel gioco dei colori dei volumi verdi, realizzati da essenze diverse. Il progetto del giardino cerca la pulizia del disegno, la sintesi tra il linguaggio del costruito e quello del verde. Il bianco travertino del rivestimento dell’edificio viene esaltato dalle diverse tonalità di verde della vegetazione. I percorsi di questo interessante giardino hanno una trama complessa e toni decisamente caldi; sono realizzati con geometriche, grandi tessere di travertino che sembrano appoggiate da poco tempo. L’accostamento cromatico elegante e la linearità delle forme generano un’atmosfera leggera in tutto l’ambiente. La luce filtrata dalla chioma degli ulivi e il rumore dell’acqua della fontana contribuiscono a creare un ambiente rilassante e tranquillo. Il bacino d’acqua è un invaso tenuto a filo del tappeto erboso: gli zampilli, che generano il gradevole rumore di sottofondo, sembrano venir fuori direttamente dal verde prato. I numerosi esemplari arborei, soprattutto ulivi, sono punti di riferimento nel giardino, accentratori dell’attenzione. I bossi educati e le graminacee scomposte fanno da cornice alla stesura del prato.

© Riproduzione riservata