fbpx
17 Luglio 2019
Ville&Casali
Primo Piano Reportage

Gli italiani rialzano il mercato immobiliare a Forte dei Marmi

Cantieri sul Lungomare italico e nelle vie interne parallele. E, soprattutto, nel centro. Forte dei Marmi, perla della Versilia, è più in fermento che mai. Una cittadina che, dopo la crisi del mercato immobiliare di pregio del triennio 2014- 2016, ha ripreso la corsa del mattone. E così, gli Italiani tornano ad acquistare a Forte dei Marmi.

Insomma, quattro anni fa, per fare un esempio, nemmeno un terzo delle ville storiche di Roma Imperiale (il quartiere più nobile e antico del Forte, immerso in parchi e vegetazione rigogliosa, che accoglie le dimore dai primi del ‘900 al periodo fascista, fino a quelle disegnate fra gli anni ’50 e ’60 da progettisti come Giovanni Michelucci e decorate da Galileo Andrea Maria Chini, tra i protagonisti dello stile liberty in Italia) erano state affittate per la stagione estiva, mentre per quest’estate si prevede un vero boom di richieste, e si parla di locazioni stagionali dai 90 ai 200 mila, perfino 280mila euro!

L’affitto di ville a Forte dei Marmi è, in effetti, uno dei business più redditizi per gli operatori immobiliari.

Dal centro a Vittoria Apuana si parla addirittura di 350mila euro per tutta l’estate per quelle più importanti come riferisce Claudio Salvini di Forte dei Marmi Villas.

Sono sempre più richieste soprattutto quelle dall’architettura pulita e moderna, dotate della più esasperata domotica; ville che sono quasi sempre circondate da splendidi giardini curati con piscine, riscaldate, illuminate, con acqua salata o dolce, con idromassaggio o moto corrente.

Emanuele Pallotti, titolare dell’agenzia immobiliare Pallotti

Appartamenti nel cuore di Forte dei Marmi, ristrutturati o no, per viverci 6-7 mesi l’anno, inoltre sono una delle tendenze emergenti secondo Andrea Zarri di Mare Blu. Il taglio va dagli 80 ai 100 metri quadri, distanti 100-200 metri al massimo dal mare.

Il mercato immobiliare di Forte dei Marmi: dall’asta alle stelle

Parte del patrimonio immobiliare del Forte ha subito un tracollo fra il 2015 e il 2016, spiega Barbara Nocchi dell’agenzia trentennale Dopodomani.

Imprenditori milanesi, torinesi e parmensi soprattutto, colpiti dalla crisi economica, si sono trovati nell’impossibilità di mantenere una seconda casa di pregio, e si calcola che almeno una cinquantina di ville sia stata battuta all’asta. Con cali notevoli dei valori anche del 50 per cento. Poi la bufera si è calmata e il sereno è tornato a splendere dal 2017. È riapparso l’investitore tipo, il milanese, ma anche il bresciano, in cerca di una villa o un affitto stagionale. La richiesta più gettonata è il bene immobile fra le centralissime vie Matteotti e XX Settembre, a 1 km dal mare. Ville indipendenti con almeno 1200 metri di giardino (e, magari, piscina). E finiture top, ovviamente: marmi e parquet, soprattutto.

Barbara Nocchi, agenzia immobiliare Dopodomani

Ma si trova questo prodotto?

I cantieri che vedete riguardano proprio l’abbattimento e la ricostruzione di vecchie dimore. Nella primavera del 2020 saranno ultimate cinque o sei di queste ville. I prezzi oscillano dai 3 ai 6 milioni di euro. Eh già! L’oggetto del desiderio, da ristrutturare, ha un costo variabile da 1,6 milioni di euro a salire (cui aggiungere almeno 2 mila euro al mq per finiture lusso).

Barbara Nocchi, titolare dell’ agenzia immobiliare Dopodomani

Per la verità, anche nella Roma Imperiale si intravede qualche cantiere, ma qui i prezzi s’impennano. E si tratta solo di abbattimenti di vecchie edificazioni da ricostruire.

È la zona più importante perché qui sono concentrate le ville più spettacolari, con ampi giardini, immerse in una ricca vegetazione, vicine al mare.

Alessandro Lombardi, presidente Fiaip Lucca- Pisa

Una zona tutelata e valorizzata grazie, soprattutto, all’impegno dell’Ente per le Ville Versiliesi, costituito nel 1987 e presieduto da Fernanda Giulini, con 200 soci che rappresentano la quasi totalità dei proprietari delle dimore storiche.

Nel 1987 il piano regolatore – racconta la presidente – prevedeva la costruzione di 55 ville con la motivazione, a fini di pubblica utilità, dell’esproprio dei giardini privati per tracciare una pista ciclabile che univa il campo da golf di Vittoria Apuana con la pineta della Versiliana, passando lungo il Fiumetto. E tutto ciò avrebbe comportato una perdita enorme di valori immobiliari che allora erano elevati. La soprintendenza non era, fra l’altro, a conoscenza dell’iniziativa del Prg. La nostra opposizione ha permesso di annullare le previsioni del piano regolatore mantenendo intatta Roma Imperiale e i grandi giardini che hanno attirato il mondo russo e portato i valori alle stelle.

Fernanda Giulini, presidente dell’Ente per le Ville Versiliesi

Un’opposizione basata sulla difesa del paesaggio, rimasto integro, intorno al Fiumetto, dipinto in 14 quadri dal grande pittore futurista Carlo Carrà che ha dedicato al Forte circa 300 opere. Ai luoghi simbolo, in particolare, come il ponte caricatore e la chiesa di S. Ermete.

Il ritorno degli italiani a Forte dei Marmi fa impennare il mercato immobiliare

Dal 2018 tutto il lungomare di Forte dei Marmi è stato pedonalizzato e affiancato da piste ciclabili.

La sicurezza è aumentata grazie all’azione coordinata del sindaco, associazioni di settori e cittadini, e anche i prezzi delle ville centrali sono diminuiti.

Almeno del 30-40 per cento dopo gli anni difficili 2014-2016. Intanto tengo a rilevare che la domanda russa non è mai calata come sento dire da qualche operatore (fra l’altro, lo scorso marzo, a conferma di quest’affermazione va segnalato proprio l’acquisto per 18 milioni di euro da parte di un magnate russo di una grande villa degli anni ’30, con parco e giardino, a Roma Imperiale. Ndr). Di recente, i russi hanno anche investito in acquisizioni alberghiere (hotel Paradiso al Mare, ed ex Alcione, ad esempio); sono tornati pure gli italiani perché quel che costava prima 4-5 milioni di euro, ora si compra a 3.2-3.5 milioni. E così, di recente, una ricostruzione di una vecchia villa in Roma Imperiale con giardino di 6mla metri è passata di mano a 3,5 milioni di euro. Cinque anni fa forse non sarebbero bastati 5 milioni.

Elena Petrova, titolare di Forte Villas Real Estate agency

Dimore storiche, appartamenti mono e bifamiliari, eppure c’è chi predilige qualcosa di ancora più esclusivo, come l’attico.

Ce ne saranno 5 o 6 di attici in vendita in tutta Forte. Gli agenti immobiliari professionisti ne stanno trattando uno con vista straordinaria sul mare e Alpi Apuane, con 300 metri di terrazza che circonda tutti i 150 metri dell’immobile. Da ristrutturare, risale agli anni ’70. Prezzo: 2,5 milioni di euro.

Massimo ed Emilio Radicchi, del”agenzia immobiliare Radicchi

Indirizzario Web:

  • Visita il sito web dell’agenzia immobiliare Forte dei Marmi Villas
  • Visita il sito web dell’agenzia immobiliare Pallotti
  • Visita il sito web dell’agenzia immobiliare Mare Blu
  • Visita il sito web dell’agenzia immobiliare Dopodomani
  • Visita il sito web dell’agenzia immobiliare Forte Villas Real Estate Agency
  • Visita il sito web dell’agenzia immobiliare Radicchi Forte dei Marmi

Approfondimenti:

Scopri tutte le operazioni effettuate dal sindaco di Forte dei Marmi per migliorare la città. Leggi La perla della Versilia diventa sempre più green

Consulta tutti gli annunci immobiliari a Forte dei Marmi

Altre letture consigliate

Ville di lusso fra mare e montagna a Forte dei Marmi

Redazione Ville&Casali

La perla della Versilia diventa sempre più green

Alessandro Luongo

Lusso, mercato immobiliare in crescita del 26%

Silvia Quaranta