Vino pregiato in casa: si conserva così

di Redazione Ville&Casali

vino pregiato

Avere un buon vino pregiato in casa, poterlo offrire ad amici e parenti durante una splendida cena o un pranzo in giardino, è qualcosa che accende la convivialità. Noi Italiani abbiamo una vera passione per questa bevanda storica. Scegliamo etichette e bottiglie, amiamo gli accostamenti e ci piace avere delle bottiglie in casa per occasioni speciali. Ma sappiamo conservarlo come si deve tra le mura di casa nostra? Non tutti hanno una cantina interrata, con umidità costante e ghiaia sul pavimento. Ecco come cinque regole da seguire:

  1. Attenzione al caldo
  2. Lontano dal frigo
  3. Niente odori forti
  4. Conservare a strati
  5. Disporre in orizzontale

Cinque regole per conservare del vino pregiato

vino-FOHO-borgo-casa-al-vento3Attenzione al caldo – Il vino teme il caldo: non lasciamo le bottiglie in cucina o sopra il camino. Se la temperatura sale troppo, la maturazione accelera. Il rischio è di stappare poi un vino che ha già cominciato a decadere.

Lontano dal frigo – L’aria fredda non fa bene al vino e una temperatura troppo rigida può danneggiare la conservazione. Spumanti e bianchi possono anche stare in frigo un paio di giorni, ma il metodo migliore per raffreddare il vino è usare acqua e ghiaccio in un contenitore in cui mettere la bottiglia prima di servire.

Niente odori forti – Bisogna evitare cantine profumate dall’aroma di salumi o formaggi: il vino assorbe gli odori. Come anche luoghi dove altri profumi penetranti e decisi potrebbero compromettere la conservazione e il bouquet del vino.

Conservare a strati – Bisogna mettere le bottiglie in uno scaffale, possibilmente di legno essendo questo materiale un cattivo conduttore termico. E qui dovrebbero essere disposte in ordine differenti: i ripiani più alti per i vini più longevi, poi i rossi e i rostati. I bianchi e gli spumanti in basso, essendo sensibili agli sbalzi termici. Mai in alto, sopra un mobile: l’aria calda li danneggerebbe.

Disporre in orizzontale – Il tappo di sughero dovrebbe toccare il liquido, perché il sughero umido aderirà meglio alle pareti della bottiglia, impedendo all’ossigeno di penetrare e impoverire il vino. No, niente paura: non saprà di tappo, per questo. Il vino che sa di tappo è quello colpito dalle muffe.

Raccontaci la tua

Tu dove conservi il vino? Hai una cantina? Hai un mobile adatto? Mostraci le foto, facci sapere cosa ne pensi e come ti comporti, con un commento, oppure parlacene sulla nostra pagina di Facebook.

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 33,00 €

Partner

I più letti

Lezione di stile

L’interior designer Antonio Lionetti ha riportato ai p...

Cabine doccia senza telaio: tutti i vantaggi del design minimal

I box doccia odierni sono disponibili in varie forme e...

Vivere fuori Milano

Vivere fuori Milano: ecco dove conviene

Tra Monza e Brianza, vivere fuori dalla città più che u...

casale ristrutturato umbria

Design in un casale ristrutturato tra gli ulivi

A cinque minuti dalla città di Perugia, dopo aver varca...

Arredare la casa con il color verde petrolio

Tra i colori di tendenza in questo 2018 per l'arredo to...

Ville&Casali su Instagram