Brunello Biondi Santi: come riconoscere l’originale

di Redazione Ville&Casali

Visto l’elevato valore dei Brunello Biondi Santi, anche queste preziose bottiglie sono purtroppo a rischio contraffazione. Quindi, nel caso queste non siano acquistate direttamente al Greppo, è bene ricordare che:
– tutte le bottiglie hanno il vetro marchiato BS a partire dal 1972;
– le bottiglie sono sempre e tutte numerate: dal 1993 il numero è apposto alla lunetta sul collo e reca la dicitura Annata o Riserva. Eccezioni: le vendemmie, di tipo Annata, 1955-1959 e le 1964-1969, che avevano il solo anno in uno stemmino a “fagiolo” sul collo della bottiglia;
– l’indicazione della Riserva è immutata;
– le bottiglie ricolmate hanno un certificato numerato e firmato dal titolare;
– dal 1945 al 1960, l’etichetta recava in primo piano la scritta Brunello, successivamente è stato privilegiato il nome di famiglia Biondi Santi;
– Franco Biondi Santi conserva tutte le bottiglie senza etichetta e capsula (anche in modo da controllare lo stato del tappo). Di conseguenza, queste bottiglie di recente acquisto sono “vestite” come le attuali, ma, ovviamente, con il millesimo giusto della vendemmia;
Il Brunello non è stato prodotto nelle seguenti annate: 1960, 1962, 1965, 1972, 1976, 1984, 1989, 1992, 2002; nelle ultime tre elencate è stato classificato come Rosso di Montalcino Fascia Rossa;
La Riserva non è stata altresì prodotta nelle annate: 1963, 1966, 1973, 1974, 1978, 1979, 1980, 1986, 1991, 1994, 1996, 2000 e 2003;
Biondi Santi è entrato nel Consorzio del Brunello solo nel 2005.

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Scopri come abbonarti

1 anno a soli 33,00 €

Partner

I più letti

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Cinque fiori profumati da piantare in aprile

Il grigiore dell'inverno è ormai solo un ricordo: la pr...

Country chic nel cuore del Monferrato

A Costigliole d’Asti, una dimora con origini che risal...

Arredi esclusivi in Toscana

Un itinerario che parte da Firenze, la culla della cul...

casale ristrutturato umbria

Design in un casale ristrutturato tra gli ulivi

A cinque minuti dalla città di Perugia, dopo aver varca...

Ville&Casali su Instagram