fbpx
20 Luglio 2019
Ville&Casali
Liguria Progetto Giardino

Una cascata verde sulla riviera ligure

A Pietra Ligure, un giardino su più livelli con rigogliose fioriture si fonde con il paesaggio circostante. La piscina è il suo centro vitale.

Non tutti lo sanno, ma la piccola cittadina di Pietra Ligure, in provincia di Savona, deve il suo nome all’antico castello che domina la baia e le colline circostanti.

Il Castrum et Oppidum Petrae, ovvero il “castello di pietra”, svetta maestoso sullo spuntone di roccia esposto a nord-est. Nelle immediate vicinanze, sorse, in epoca feudale, il borgo antico e il bellissimo centro storico caratterizzato da tipiche stradine strette, i caruggi  ed eleganti palazzi. Pur essendo considerata una delle località balneari più rinomate e frequentate della regione, riesce a conservare tutt’oggi il suo animo romantico, raccolto e intimista. Caratteristiche che rispecchiano certamente il giardino di 15 mila mq che circonda la residenza, poco lontana dal centro, di una giovane famiglia.

Abbiamo progettato un giardino vivibile e facilmente gestibile, che potesse fondersi con il paesaggio agreste contiguo.

Alessandro Ferrario, progettista e fondatore dell’azienda Archiverde

Insieme al suo team progetta, da molti anni, incredibili scenari verdi come stanze a cielo aperto, occupandosi a 360° di ogni aspetto strutturale e artistico. Lo spazio verde è stato interamente riprogettato, mantenendo, come legame con il passato, il bellissimo uliveto esistente, integrato interamente all’interno del giardino.

La struttura è aperta, con prati e grandi campiture verdi.

Nessun percorso obbligato o sentiero vincola la sua scoperta. Anzi, come disse l’ideatore del parco di Versailles, André Le Notre, il giardino deve il suo fascino all’esistenza di luoghi nascosti, appartati e che si scoprono all’improvviso. Il centro vitale è senza dubbio la piscina, immaginata come fulcro vivace in cui accogliere amici e godere della meravigliosa vista panoramica. Il mormorio dell’acqua rafforza il senso di pace e di armonia che emana questo giardino e le rocce artificiali previste lungo il bordo, realizzate anch’esse dall’azienda Archiverde, ne esaltano il suo disegno sinuoso.

Ci sono state numerose difficoltà nella costruzione dello specchio d’acqua. Le pressioni esercitate dal terreno e alcune infiltrazioni d’acqua hanno rallentato i lavori. La piscina, filtrata a sale, è stata sistemata a un livello inferiore, risanando i muri in pietra circostanti e creando un gioco di terrazzamenti con meravigliose fioriture scalari.

Alessandro Ferrario, progettista e fondatore dell’azienda Archiverde

Raffinate piante perenni, come Agapanthus e Gaura, trovano posto, così, accanto a essenze tropicali, inusuali ma capaci di resistere alle temperature miti della riviera ligure.

Sono state selezionate con cura dal team dei progettisti per poter ottenere un giardino a bassa manutenzione, ma capace di stupire con originali giochi di colore. Per questo il verde, scelto come tonalità dominante, si tinge qua e là di bianco, rosa e blu formando splendidi tappeti fioriti che si alternano con il passare delle stagioni. La morbidezza delle loro forme addolcisce i tratti netti e i salti di quota dovuti ai terrazzamenti. L’immagine che ne risulta è una cascata verde che confluisce in un unico punto e che riesce a fondersi con leggerezza con il paesaggio naturale esistente. “Ho voluto conservare l’atmosfera agreste e spontanea che caratterizza queste terre, ma al tempo stesso ho ricercato un raffinato ordine architettonico” spiega il progettista.

La zona intorno all’abitazione è stata pavimentata e accoglie una maestosa statua del defunto cane di famiglia, fatta fare in suo ricordo dai proprietari.

Foto di Fabrizio Gini

Approfondimenti:

Un altro bel progetto tutto da leggere: Una country house nella valle dell’Ombrone