fbpx
25 Giugno 2019
Ville&Casali
Progetto Giardino

La formalità del giardino all’italiana

Sembra uscito da una cartolina il paesaggio pittoresco del Chianti o Chiantishire, come sono soliti chiamarlo gli stranieri, frequentatori assidui di questa zona. Affacciati da uno dei terrazzamenti del giardino che circonda una bella villa storica, ridisegnato dal progettista Massimo Menichelli, si rimane affascinati dal panorama di infiniti filari di vigneti e oliveti sempre verdi.

La diretta proporzionalità tra i due termini si fonde alla morbidezza della vegetazione spontanea.

È l’equilibrio che il paesaggista e designer Massimo Menichelli ha saputo creare sulle colline toscane.

All’inizio questo pezzo era stato recintato, escludendolo completamente dal resto del terreno. In accordo con i proprietari, abbiamo ripensato lo spazio già in parte definito e adottato stili differenti per caratterizzarlo.

Massimo Menichelli, paesaggista toscano

Il designer e progettista si ispira al modello di giardino all’italiana per valorizzare uno dei livelli, quello più vicino all’abitazione, e per rinforzare il collegamento con le altre parti.

Bellissime lastre di 1mx1m ne continuano trasversalmente la linea geometrica.

Nella parte centrale si è immaginato un gioco di volumi: un’ellisse in ferro piegato a forma avvolge numerose aiuole di bossi potati e una delicata Tulbaghia violacea.

Un lungo tunnel di archi è impreziosito da rose antiche inglesi rampicanti che danno vita a un romantico attraversamento, creando interessanti prospettive.

Come succedeva all’epoca dei principi intorno al XV secolo, le raffinatezze dei giardini rinascimentali rendono più gradevole la vita all’aperto, trasformando lo spazio in un prezioso gioiello verde con delicate decorazioni floreali.

Il percorso vegetazionale continua nella parte inferiore dove è stata collocata la piscina ed è stata riservata una progettazione più spontanea e movimentata.

Ho lasciato il giardino più elegante e curato vicino alla casa, rendendolo più libero man mano che ci si allontana

Massimo Menichelli

Il paesaggista e designer dona un nuovo assetto ai 3000 mq di giardino, dosando con attenzione l’inserimento di nuove piantumazioni. Rigogliose bordure miste di Gaura a tre colori e plumbago accendono uno dei lati della vasca, mentre altissime palme esistenti e adorate dal proprietario, differenziano il fronte opposto. Ai loro piedi, un tappeto colorato di Agapanthus, pianta erbacea perenne originaria del Sudafrica, restituisce un sapore tipicamente mediterraneo.

Qui, una parte pavimentata e attrezzata con arredi diventa un tranquillo solarium per godere della piscina nelle stagioni estive.

La garanzia certa è anche il massimo della privacy. I colori sono vivaci e le macchie di tonalità viola sono declinate in tutte le gradazioni, dal rosa al blu.

Il giardino rinascimentale si armonizza con essenze spontanee esistenti.

Foto di Francesca Anichini

Approfondimenti:

Visita il sito web di Massimo Menichelli

Leggi anche Un giardino moderno unisce tradizione e geometrie