fbpx
19 Settembre 2019
Ville&Casali
Storie

Cantina Zaccagnini: i signori del Montepulciano

La Cantina Zaccagnigni nasce nel 1978 quando Marcello, stanco di non essere pagato per la fornitura delle proprie uve, decide di fare il vino da sé e dà vita alla Fattoria Zaccagnini. Dagli inizi pionieristici in un modesto capannone insieme al cugino Concezio, oggi è questa una delle realtà più belle dell’Abruzzo vitivinicolo, da quasi un milione di bottiglie.

Con gli anni sono arrivati anche l’impegno culturale e il rispetto dell’ecosostenibilità (progetto Difesa della Natura), ma il vino non è stato perso d’occhio un solo istante nella Cantina Zaccagnini. Ad esempio, i vigneti sono condotti in maniera maniacale, con i filari sorretti solo da pali di legno e una rosa di colore diverso all’inizio di ciascuno. Non mancano delle parcelle a tendone, perché Cantina Zaccagnini è focalizzato sulle varietà di uve tipiche d’Abruzzo, ovvero Trebbiano e Montepulciano, quest’ultimo proposto prima di tutto in rosso, ma anche come rosato (Cerasuolo del Tralcetto, Ibisco Rosa e Myosotis), nonché in una fascinosa versione passita. È il Clematis, frutto di 11 anni di studi dell’enologo Concezio Marulli. La massima espressione di Cantina Zaccagini sono, però, i tre cru San Clemente, in una collina dove dimorano Montepulciano, Trebbiano e Chardonnay.

Scopri di più sulla Cantina Zaccagnini

[nggallery id=148 rel=lightbox]

Il Vino Bandiera

Riserva dall’annata 2006, il San Clemente Montepulciano è fermentato in tini di legno con follatura manuale e matura in barrique per 18 mesi. È un rosso complesso, e corposo, con note tostate di mandorla, liquirizia e frutti di bosco. L’assaggio è ampio e profondo, con tannini potenti ma mai astringenti. Un grande che, dopo qualche anno di riposo, saprà essere un vero fuoriclasse.

Le schede di alcuni dei migliori vini di Cantina Zaccagnigni

Plaisir
Il vino dal Tralcetto

Altre letture consigliate

Nella tenuta Antonelli San Marco, la cucina è in cantina

Maria Paola Gianni

Il valore di un brindisi

Giorgia Bollati

Carpineto stupisce di nuovo con il Chianti Classico

Redazione Ville&Casali