fbpx
11 Dicembre 2019
Ville&Casali
Storie

Brunello Biondi Santi: come riconoscere l’originale

Visto l’elevato valore dei Brunello Biondi Santi, anche queste preziose bottiglie sono purtroppo a rischio contraffazione. Quindi, nel caso queste non siano acquistate direttamente al Greppo, è bene ricordare che:
– tutte le bottiglie hanno il vetro marchiato BS a partire dal 1972;
– le bottiglie sono sempre e tutte numerate: dal 1993 il numero è apposto alla lunetta sul collo e reca la dicitura Annata o Riserva. Eccezioni: le vendemmie, di tipo Annata, 1955-1959 e le 1964-1969, che avevano il solo anno in uno stemmino a “fagiolo” sul collo della bottiglia;
– l’indicazione della Riserva è immutata;
– le bottiglie ricolmate hanno un certificato numerato e firmato dal titolare;
– dal 1945 al 1960, l’etichetta recava in primo piano la scritta Brunello, successivamente è stato privilegiato il nome di famiglia Biondi Santi;
– Franco Biondi Santi conserva tutte le bottiglie senza etichetta e capsula (anche in modo da controllare lo stato del tappo). Di conseguenza, queste bottiglie di recente acquisto sono “vestite” come le attuali, ma, ovviamente, con il millesimo giusto della vendemmia;
Il Brunello non è stato prodotto nelle seguenti annate: 1960, 1962, 1965, 1972, 1976, 1984, 1989, 1992, 2002; nelle ultime tre elencate è stato classificato come Rosso di Montalcino Fascia Rossa;
La Riserva non è stata altresì prodotta nelle annate: 1963, 1966, 1973, 1974, 1978, 1979, 1980, 1986, 1991, 1994, 1996, 2000 e 2003;
Biondi Santi è entrato nel Consorzio del Brunello solo nel 2005.

Altre letture consigliate

Brunello di Montalcino da collezione

Loredana Ficicchia

Un fascio di luce in Gallura

Loredana Ficicchia

Carpineto stupisce di nuovo con il Chianti Classico

Redazione Ville&Casali