Monferrato da Scoprire

di Alessandro Luongo

Giosuè Carducci la descrisse con poche parole: “L’area del Monferrato è compresa nella provincia di Alessandria e in parte in quella di Asti, delimitata dai corsi d’acqua del Tanaro, del Belbo, e della Bormida a sud, a nord del Po”. Oltre 1000 anni fa fu il primo Stato italiano.

Il Monferrato è un’area storico-geografica del Piemonte, che non a caso nel 2014 è diventata Patrimonio mondiale dell’Unesco insieme a Langhe-Roero.

E così, se a sud di Asti la coltura della vite è quella che caratterizza maggiormente il paesaggio (le cantine storiche di Canelli, capitale del Moscato e dell’Asti Spumante, sono vere e proprie cattedrali sotterranee.

[penci_blockquote style=”style-2″ align=”none” author=”Andrea Cerrato, presidente del Consorzio turistico e tour operator Sistema Monferrato”]L’area fra Asti e Casale Monferrato (Portacomaro, Vignale Monferrato, Moncalvo, Montemagno) è ancora poco conosciuta e tutta da scoprire.[/penci_blockquote]

Ce lo racconta Andrea Cerrato, che dal 2009 è presidente del Consorzio turistico e tour operator Sistema Monferrato, nato nel 1997 per aumentare il flusso d’incoming e offrire servizi di qualità; fra i primi del Piemonte, raggruppa oltre 120 aziende della filiera turistica.

Il territorio del Monferrato è ricco di borghi arroccati, ideali anche per il cicloturismo, dove l’alta ristorazione sta iniziando a prendere piede.

Un esempio? A Lu Monferrato (AL), Giampiero Vento, siciliano con un importante trascorso nelle Langhe e poi ad Asti ha aperto il rinomato ristorante Antico Monastero.

La degustazione della cucina monferrina, d’altra parte, è uno dei motivi principali per cui venire da queste parti, a un’ora, un’ora e trenta da Genova, Torino, Milano, a seconda che si prenda come riferimento la provincia di Asti o Alessandria.

La lista dei piatti monferrini è vasta e variegata. Dagli antipasti, come i salami crudi o cotti, al naturale o aromatizzati con erbe spontanee (il salame delle Valli Tortonesi o la muletta), formaggi di capra (come la Robiola di Roccaverano o la Toma di Capra del Monferrato), fiori di zucchino ripieni, torte salate e frittate a base di erbe aromatiche, vitello tonnato, acciughe sotto sale al verde o la famosa bagna cauda. Fra i primi tipici, i risotti, gli agnolotti al plin, i tajarin, il risotto al tartufo bianco, la polenta con il merluzzo fritto.

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Rifugio del cuore

Un antico cascinale immerso nella verde quiete dell’Al...

Un biolago tra i pini, a due passi dal mare

È nel cuore della Maremma toscana, immersa in una pine...

Come i colori cambiano l’immagine di una casa

Lo studio Officina 8a rinnova gli ambienti interni di...

Una villa veleggia verso Ortigia

Sul promontorio del Plemmirio, di cui parla Virgilio n...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Ville&Casali su Instagram