fbpx
20 Settembre 2019
Ville&Casali
Venezia si rivalorizza
Reportage

Venezia: un percorso di valorizzazione

Venezia, si sa, è un gioiello. Ma per proteggerla dal consumo e dalla banalità richiede di essere scoperta poco alla volta, fino a conoscerne il vero carattere per poi tenerne vivi i punti di forza con passione, giorno per giorno.

Attraversare Venezia è come vivere, ogni volta, una nuova avventura. Sembra impossibile, ma pur avendo passeggiato per le stesse calli e gli stessi campielli già milioni di volte, lo stupore non si affievolisce e rimane inalterata la voglia di continuare il viaggio alla scoperta della città più particolare del mondo. Non sono i fatti di cronaca, i disservizi, il passaggio delle sproporzionate navi da crociera, il rischio di vederla trasformata in un luna park a far desistere il viaggiatore curioso dall’arrivare alla sua vera identità, a spostare gli strati che ne offuscano lo splendore per rimanere affascinati dal carattere unico che richiama 27 milioni di turisti l’anno.

La via diretta per vedere Venezia pura ed essenziale, per scoprirne la vera identità, è aspettare il calare del sole, quando i turisti “mordi e fuggi” ne lasciano campi e campielli e torna il silenzio ricco di significato che fa riecheggiare il suono dei passi attraverso le calli. È in questi momenti che la città sull’acqua sorprende di più, quando si smette di farsi spazio fra le folle di turisti e anziché guardare per terra per non inciampare si riesce a guardare in alto, per ammirarne il riflesso dei palazzi del Settecento sul Canal Grande, per ascoltare le piccole onde infrangersi sulla riva degli Schiavoni, sulla Fondamenta delle Zattere o su Fondamenta Nuove.

È in questi momenti che la storia della città torna alla luce e la sua personalità ricomincia a vivere, affascinando quei viaggiatori che, proprio da questo punto in poi, non smetteranno più di scegliere Venezia come meta non solo per visitarne le bellezze, ma anche per respirarne la maestosità e la pace nel silenzio. E se questo è il punto di partenza, la permanenza nel centro storico sarà in grado di offrire anche molto altro, spaziando fra mostre di rilievo internazionale, sempre in programma nei vari musei della città, da Palazzo Grassi alla Punta della Dogana, dalla Casa dei Tre Oci al Peggy Guggenheim, per citarne alcuni, fino ad arrivare a piccole iniziative culturali, molto volute da artisti e artigiani veneziani che amano la loro città e vogliono proteggerne le tradizioni e i punti di forza per non tradire la storia.

Abbiamo dedicato alla splendida Venezia un ampio e dettagliato articolo nel nostro numero di marzo. Se te lo sei perso o se vuoi rileggerlo, ti invitiamo a scaricare la App: potrai consultare tutti i numeri arretrati. Basta andare a questo collegamento.

Altre letture consigliate

Tutti a Dubrovnik per ammirare il regno di “Game of Thrones”

Veronica Balutto

Carnevale, a Venezia il ballo più sontuoso, raffinato ed esclusivo al mondo

Silvia Quaranta

Territorio del Chianti: un mare di vigneti

Ilaria Proietti