fbpx
Ville&Casali
Reportage

A Madonna di Campiglio ritornano le gru

Un investimento immobiliare turistico sicuro, al di là e indipendentemente dall’andamento dell’economia reale e dalle oscillazioni del mercato finanziario.

Madonna di Campiglio è tornata regina delle Dolomiti del Brenta dal 2017, con una forte ripresa della domanda di seconde case di ampia metratura.

Le richieste sono soprattutto nel centro, nella zona pedonale, dove sono spuntati anche tre cantieri per la realizzazione di nuove residenze e aree commerciali.

È questa la zona dove le valutazioni medie toccano i 12.500 euro al metro quadro e i tagli più gettonati vanno dagli 80 metri in su.

“I bilocali da 250 a 350mila euro non sono più richiesti come negli anni ’80, quando ad acquistarli erano i liberi professionisti della classe media” spiega Nicola Collini della Collini gestioni, il cui padre Piergiorgio, 76 anni, fu il pioniere del mercato della seconda casa a Campiglio.

Ricordo che allora gli acquirenti erano in coda da lui per comprare casa negli anni ’70, quando la domanda superava notevolmente l’offerta; poi nel 1977 furono bloccate le nuove costruzioni.

Nicola Collini, Collini gestioni

La clientela è dunque cambiata e la forbice fra la classe media e la high class si è allargata.

Otto proprietari su dieci di oggi, che hanno comprato 30 o 40 anni fa, ora rivendono, perché i lori figli non trascorrono più le vacanze a Campiglio.
È dunque un mercato di sole rivendite mentre i prezzi rimangono alti per la mancanza di nuove costruzioni.

Il nuovo che avanza a Madonna di Campiglio.

Eppure sono tornate le gru nella perla delle Dolomiti di Brenta.

Uno dei tre nuovi cantieri riguarda l’abbattimento e ricostruzione di una villetta degli anni ’50 in via Presanello, subito dopo l’isola pedonale (area top), a 250 metri da Piazza Righi, cuore del paese.

“Con tutta probabilità saranno ricavati quattro appartamenti in classe energetica A, o una villa bifamiliare sui 200 metri e un appartamento a sé stante di 80 metri. La consegna è prevista per gennaio; il prezzo è di circa 10mila euro al metro quadro.

Ireno Serafini, Agenzia Immobiliare Serafini

Gli altri due cantieri sono trattati direttamente da Robert Ferrari della Tecnocasa locale, un’iniziativa della Ducale spa, società di sviluppo immobiliare del Gruppo Tecnocasa.

Habitaria Plaza (è uno dei due) è appena partito con gli scavi (delicati e tortuosi) in Piazza Righi, che subirà un restyling e riqualificazione dell’arredo urbano.

Si tratta dell’abbattimento dell’ex hotel Excelsior degli anni ’50, al cui posto saranno ricavati 3.500 metri cubi di residenziale e 1.000 di commerciale, con potenziali griffe dell’alta moda interessate a insediarsi. Serviranno almeno 2-3 anni di lavori, però.

Robert Ferrari, Tecnocasa

Habitaria Wood è invece partito l’estate scorsa attorno al laghetto, per l’edificazione di 16 unità immobiliari da 104 a 192 metri quadrati su una superficie un tempo occupata da attività commerciali. La consegna è prevista nell’aprile 2021.

“Parliamo d’immobili con finiture di prestigio, in legno vecchio, corten, vetro, pietra dolomia, con box, sky box e cantina, Spa condominiale. Insomma, un’iniziativa che darà grande lustro a Campiglio” conclude Ferrari.

Appartamento In chalet

Appartamento arredato di 97 mq a Madonna di Campiglio, zona Belvedere. Situato al p.t. di un antico chalet con giardino, rifinito con boiserie. Composto di soggiorno-pranzo, cucina, tre camere da letto e due bagni. Collegato in inverno con le piste da sci. DDstudio.

Immobile vicino al Parco Brenta

In vendita nuovo immobile su tre livelli alle porte del Parco Naturale Adamello Brenta: luminoso soggiorno con cucina abitabile, 3 camere con due bagni a primo piano mansardato. Taverna, garage, giardino.C.E. B+. Agenzia Cima Lancia.

Indirizzario web:

 

Altre letture consigliate

Claudio Bellini: creare è come viaggiare

Veronica Balutto

Le eccellenze della Val d’Orcia

Maria Paola Gianni

L’Ottocento amplia il ventaglio dell’arredo

Paola Pianzola