La casa in montagna batte l’inflazione

di Alessandro Luongo

La casa in montagna batte l’inflazione

Negli ultimi cinque anni rivalutazioni intorno al 10 per cento per le mete più famose delle Alpi italiane. Courmayeur si affianca a Cortina nell’associazione Best of Alps

Negli ultimi cinque anni le località di montagna più glamour dell’arco alpino hanno registrato un incremento dei valori immobiliari fra il 7 e il 9 per cento, con una media del 4,8 rispetto a una flessione generale del mercato immobiliare residenziale del 3 per cento. Tutte le località alpine tranne qualche eccezione hanno dunque tenuto l’inflazione, pari al 2,7 per cento (Fonte Istat) dal 2015 al 2020.

Pubblicità
La casa in montagna batte l’inflazione

Spicca il balzo di Cortina, che secondo l’ufficio studi di Scenari Immobiliari è schizzata a quasi 20 mila euro al mq, per la precisione a 19.450 (+7,6%) per le belle case in centro; Courmayeur ha toccato 10.700 euro (+8,6%); e, infine, Madonna di Campiglio ha raggiunto 11.550 euro (+9%)…

Articolo pubblicato su Ville&Casali dicembre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.