fbpx
13 Novembre 2019
Ville&Casali
Idee Stile Country

La lavanda: 5 buoni motivi per coltivarla

Con il suo colore caratteristico e il suo profumo inconfondibile, la lavanda è forse una delle piante più note in assoluto, anche a chi il pollice verde non sa proprio cosa sia. Basta sentirne pronunciare il nome perché il pensiero corra agli sterminati campi della Provenza, in Francia, che ne è la patria più famosa.

Basti pensare che nel paesino di Velensole, la terza domenica di luglio, si celebra addirittura la “Festa della Lavanda”.

Le donne vestono gli abiti tradizionali delle lavandaie, a ogni angolo della borgata vengono distribuiti mazzolini profumati e le bancarelle sono ricolme di prodotti tipici.

La lavanda è semplice da coltivare e ha molte buone qualità

Ecco allora cinque buoni motivi per dedicarsi alla cura di questa splendida pianta, tanto bella quanto utile.

La lavanda è bella e ornamentale

Una volta piantata la lavanda il suo colore delicato, che vira dal lilla al viola intenso, inonderà il vostro giardino o terrazzo. Una macchia di lavanda è una splendida vista: si presta a crescere in vaso, ma anche ad abbellire un’aiuola. Un po’ come il rosmarino, se piantata e potata in un certo modo può essere usata anche per una piccola siepe o divisorio vegetale.

La lavanda è profumata

La fragranza naturale della lavanda è intensa e rilassante: basta scuoterla appena con una mano per far salire tutto il suo profumo. I fiori, oltre che molto belli da vedere, sono perfetti anche da far essiccare. Possono essere impiegati per un pot pourri, oppure per realizzare dei sacchietti profuma biancheria fatti in casa. L’effetto è piacevole e duraturo.

La lavanda è un insetticida naturale

Un ottimo motivo per piantare la lavanda è che il suo odore agisce come repellente per le zanzare e molti altri insetti. Questo perché differenza degli umani, che ne sono attratti, molti insetti trovano il suo profumo fastidioso. Ci sono naturalmente delle eccezioni: tra queste api e farfalle. Visto il declino globale della popolazione delle api, e visto quando sono belle le farfalle, questo è un altro buon motivo per accogliere la lavanda nelle nostre case.

La lavanda è versatile

Non solo profuma biancheria: la lavanda, nei secoli, è sempre stata impiegata per molteplici scopi. L’infuso fatto con i fiori secchi ha proprietà lenitive per la pelle e protettive per i capelli. Si può usare anche in cucina, per preparare tisane e cocktail. Per chi ha una mente creativa, poi, i mazzolini di lavanda secchi di prestano a moltissimi utilizzi: ghirlande country, ornamenti da appendere alle pareti o da mettere in vaso.

La lavanda è facile da coltivare

Tra i buoni motivi per piantare la lavanda, in fine, c’è anche che coltivarla è davvero semplice. La pianta è robusta e non ha bisogno di particolari attenzioni: l’unica clausola è che per crescere bene deve avere molto sole. La stazione migliore per piantarla è la primavera (maggio è un ottimo mese), è consigliabile lasciare una distanza di circa 60 cm tra una piantina e l’altra.

Approfondimenti:

Al viola preferisci il rosso intenso? Leggi La coltivazione dello zafferano

Ti piacciono le spezie? Allora leggi i nostri consigli sulle Spezie da coltivare

 

Altre letture consigliate

Una villa in Provenza con arredi toscani

Paola Pianzola

Primavera, tempo di disinfestazioni… naturali

Silvia Quaranta

Una freschissima tavola di primavera

Silvia Quaranta