fbpx
24 Maggio 2019
Ville&Casali
Baita a Chamonix Chevallier
Ristrutturazioni

Vivere tutto l’anno in un’antica baita

Ci troviamo in un piccolo borgo, definito da un raccolto gruppo di “rascard”, tradizionali costruzioni montane in legno, abitate da generazioni di famiglie del luogo. A pochi chilometri di distanza, Chamonix, rinomato centro montano dell’Alta Savoia e meta di villeggiatura da parte di appassionati di sci e di passeggiate fra le vette. Proprio qui, un involucro solitamente usato solo nei mesi estivi, e rimasto inalterato negli ultimi 40 anni, è stato il punto di partenza per un progetto di riqualificazione firmato dagli architetti dello studio francese Chevallier.

In vacanza tutto l’anno

Baita a ChamonixL’intervento più importante, per permettere all’edificio di essere abitato anche nei freddi mesi invernali, ha riguardato l’isolamento dell’edificio e l’aggiornamento impiantistico, a cui è seguito un ampliamento della superficie. Due cardini progettuali hanno influenzato la definizione della nuova struttura: permettere di godere dei panorami montani, di grande suggestione e fascino, rispettando la tipologia architettonica locale, quindi senza rappresentare uno stacco troppo forte rispetto al contesto. Renaud Chevallier, progettista, ha trovato la soluzione nell’uso di vetro e di larice, tipica essenza locale, abbinati per creare un prospetto di grande impatto.

Immersi nella natura

Le ampie vetrate permettono non solo di usufruire di illuminazione naturale durante tutto l’arco della giornata, ma anche di vivere immersi nella natura, sviluppando un rapporto diretto e continuo con le vette innevate. Una pompa di calore, di ultima generazione, e il nuovo cappotto termico proteggono l’edificio dalla dispersione termica e garantiscono un comfort continuo. L’interior design ha privilegiato la pianta libera: la zona giorno è composta da un grande open space con cucina ad isola mentre la zona notte, con capriate in legno a vista, è definita dalla successione di legno e pietra locali. Un progetto che ha visto protagonista la ricerca di comfort e di uno stile dell’abitare libero, in linea con l’identità della casa, nata per le vacanze e, quindi, scenario di relax e quiete.

www.chevallier-architectes.fr

 

 

Testo di ANTONIA SOLARI foto di ALEXANDRE MERMILLOD

 

Altre letture consigliate

Se l’antico incontra il lusso moderno, con l’housing sostenibile

Silvia Quaranta

Villa Scorzi, accoglienza aristocratica ed eventi da favola in Toscana

Redazione Ville&Casali

Abitare a Miami come su uno Yacht

Marcella Guidi