Il ritorno dei gattopardi

di Loredana Ficicchia

Foto di Simone Aprile

L’interior designer Samuele Mazza costruisce nella campagna di Noto una casa secondo le teorie della bioarchitettura e si ispira al bosco di Stefano Boeri

Un ulivo monumentale dialoga con una grande gabbia di ferro costruita secondo i dettami della bioarchitettura, in particolare secondo i criteri “Faraday” che bloccano le onde magnetiche schermando le superfici esterne. Siamo sulla collina belvedere di Zisola, appena fuori Noto, dove il designer Samuele Mazza ha realizzato la sua casa in campagna.

Pubblicità
Foto di Simone Aprile

Lo stile è quello industrial, ma con disinvolte incursioni che abbinano il cemento impastato con la resina dei pavimenti alle confortevoli imbottiture degli arredi. Il calore del legno negli infissi come negli arredi fa il resto…

Articolo pubblicato su Ville&Casali giugno 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

Per approfondire

samuelemazza.com

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Rifugio del cuore

Un antico cascinale immerso nella verde quiete dell’Al...

Un biolago tra i pini, a due passi dal mare

È nel cuore della Maremma toscana, immersa in una pine...

Come i colori cambiano l’immagine di una casa

Lo studio Officina 8a rinnova gli ambienti interni di...

Una villa veleggia verso Ortigia

Sul promontorio del Plemmirio, di cui parla Virgilio n...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Ville&Casali su Instagram