L’eleganza dell’ecocompatibilità ad Asti

di Redazione Ville&Casali

Progetto di Maela Tanino

Lo stabile del ‘700, storicamente di proprietà della curia, sorge nel cuore del centro storico della città di Asti, nell’area del Santuario e della chiesa di Nostra Signora Porta Paradisi.

L’appartamento occupa il primo piano nobile e si affaccia sulla chiesa con uno sguardo ad ovest sulle colline del Monferrato.
La ristrutturazione, curata dall’architetto Maela Tanino e dal suo team del PS Studio Progettazione Sostenibile di Asti, l’architetto Valentina Monticone e l’architetto Giulia Ramicone, ha coniugato il recupero di tutti gli elementi storici dell’immobile con scelte di finiture ed arredo di matrice contemporanea.

Un tipo di architettura connessa alle radici storiche e al contesto del luogo, abbinata a scelte di stile contemporaneo, al tempo stesso funzionale ed elegante. Il progetto ha posto attenzione alla cura di ogni dettaglio: pavimenti, rivestimenti, scelte cromatiche, infissi, illuminazione, arredi e oggetti d’arte.

Gli orizzontamenti voltati originali con volti a botte e a crociera sono stati tutti consolidati e dipinti di luce, per risaltarne le magnifiche forme.

I pavimenti in cementine originali di inizio ‘900 sono stati rimossi e totalmente riutilizzati in loco per consentire l’eliminazione dei radiatori e la posa di pannelli radianti a pavimento nell’ottica di un utilizzo di tecnologie di riscaldamento a basso consumo energetico.

Alle finiture originali sono state sapientemente accostati materiali moderni, come le resine per il rivestimento di cucina e bagno e i listoni flottanti di legno di rovere naturale nel soggiorno e nella camera da letto.

Due le scelte cromatiche di tutto l’arredamento, sobrio ed essenziale, progettato su misura dall’architetto Tanino e realizzato ad hoc, il bordeaux e il bianco calce. Ogni dettaglio è progettato per essere esattamente dove si trova. Dagli arredi su misura si distinguono il vecchio tavolo della cucina in noce massiccio e le opere della pittrice e scultrice Donatella Di Lallo che ha realizzato “i gatti”, i tavolini da notte, e “il trono”, la poltrona della camera da letto. Maela Tanino e il suo staff, hanno scelto due soli colori per le pitture murali, tutte a base di calce come gli intonaci, il bianco calce per le volte e il tortora per le pareti.

Il risultato è un nido di pace ed energia, avvolto dal silenzio del centro storico e dal suono delle campane, accogliente dimora per il suo proprietario, regista di teatro e formatore.

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Scopri come abbonarti

1 anno a soli 33,00 €

Partner

I più letti

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Cinque fiori profumati da piantare in aprile

Il grigiore dell'inverno è ormai solo un ricordo: la pr...

Arredi esclusivi in Toscana

Un itinerario che parte da Firenze, la culla della cul...

Country chic nel cuore del Monferrato

A Costigliole d’Asti, una dimora con origini che risal...

casale ristrutturato umbria

Design in un casale ristrutturato tra gli ulivi

A cinque minuti dalla città di Perugia, dopo aver varca...

Ville&Casali su Instagram