Assisi – Spoleto è un bene dell’umanità

di Redazione Ville&Casali

Assisi - Spoleto è un bene dell’umanità
Una veduta panoramica della Rocca Maggiore ad Assisi, nel cuore degli ulivi

La fascia olivata è un “paesaggio culturale vivente” e nel 2025 potrebbe arrivare il riconoscimento dell’UNESCO

Nel 2025 la fascia olivata che va da Assisi a Spoleto potrebbe essere riconosciuta dall’Unesco come “Bene culturale dell’umanità”. Un paesaggio di oltre 40 chilometri, patrimonio unico, con oliveti di 9 mila ettari di terreno e quasi 1,5 milioni di piante che ricoprono i pendii, con una disposizione dei muretti, specie coltivate, sistema produttivo e insediamenti tradizionali che evidenziano un territorio in evoluzione continua.

Pubblicità
Assisi - Spoleto è un bene dell’umanità

La presenza degli olivi, nel corso dei secoli, ha avuto una notevole importanza dal punto di vista culturale, artistico, architettonico, idrogeologico. Oggi la fascia olivata Assisi-Spoleto è tra le principali aree olivicole della regione Umbria a conservare un contesto dove il rapporto tra olivicoltura e storia si presenta molto forte: borghi storici, castelli e complessi religiosi si trovano immersi negli oliveti che ricoprono le pendici…

Articolo pubblicato su Ville&Casali di Ottobre 2023

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.