15 dicembre 2018
Ville&Casali
News ed Eventi Primo Piano

Mercato immobiliare e residenze di lusso: così sarà la casa del futuro

Comprare casa per gli italiani rimane sempre un obiettivo importante. E se la casa è una residenza di pregio o un’abitazione di lusso, diventa anche un investimento e uno status symbol. La conferma di questa tendenza duratura arriva da una recente analisi condotta da Santandrea e Doxa sul mercato immobiliare di Roma e Milano. Dati che, oltre a evidenziare la ripresa del mercato immobiliare già osservata nel 2017, si sono soffermati anche sulle caratteristiche oggi più ricercate all’acquisto di una nuova casa.

La casa del futuro dovrà essere sempre più ecosostenibile, smart, sicura e modulabile.

Il settore lusso del mercato immobiliare

Quello delle residenze di pregio è sempre più un mercato immobiliare a sé, che segue delle dinamiche differenti rispetto al residenziale classico. L’immobile di lusso non è più quello che semplicemente costa tanto. È un bene al top per diversi elementi, che vanno dalla posizione alla vicinanza a servizi come scuole, negozi, dai mezzi pubblici alla sicurezza. È un tipo di casa che conserva ancora il significato di bene rifugio, di investimento e che ha una tipologia di clientela che cerca un ambiente in grado di esprimere la sua personalità. Il cliente tipo di un immobile di pregio non compra solo una casa, compra una storia, un simbolo. Ormai anche una firma, se pensiamo soprattutto ai grandi progetti architettonici milanesi.

Fabio Guglielmi, amministratore delegato Santandrea Luxury Houses

Per identificare le caratteristiche più ricercate oggi sul mercato immobiliare, Doxa e Santandrea hanno dunque realizzato, a corredo dei dati quantitativi, un’indagine qualitativa. Le informazioni sono state ricavate direttamente dai protagonisti del mercato, ovvero i clienti e gli operatori professionali.

Cosa si cerca in una abitazione di lusso?

«Per lusso non si intende semplicemente costoso, ma si declina come esclusività accessibile a pochi», spiegano gli autori del rapporto. «Va al di là del semplice criterio di bellezza e qualità, non è neppure una semplice affermazione di status. Lusso è il piacere pieno dell’abitare come leisure, entertainment, wellness. Nelle case di pregio la componente emozionale va ad arricchire e completare il benessere psico-fisico di chi abita questi spazi».
L’abitazione, di qualunque categoria, continua a mantenere una valenza emotiva per gli italiani. È il traguardo da raggiungere, il nido dove crescere la propria famiglia. Per la casa di lusso si aggiunge anche il valore di satus symbol, di esclusività, di espressione della propria personalità.

La casa del futuro

Interessante, infine, rilevare le nuove tendenze del mercato immobiliare di pregio.
Innanzitutto, nell’organizzazione degli spazi. Come conseguenza della riduzione delle metrature degli appartamenti, soprattutto in città, si tende a creare un unico ambiente soggiorno e cucina, dove quest’ultima è sempre più luogo sociale e di aggregazione. Anche la stanza di bagno si è trasformata, diventando una zona di relax dove trascorrere più tempo.

E poi c’è la tecnologia, che entra in casa in misura sempre maggiore, ma meno visibile. La tecnologia di oggi è impalpabile e easy e le app consentono ormai di controllare ogni dotazione anche da remoto.
«La casa del futuro – conclude la ricerca – dovrà combinare elementi funzionali e aspetti emozionali, per coinvolgere l’utente in una esperienza abitativa che deve tenere conto di entrambe le componenti. A maggior ragione nel lusso, dove non si acquista solo una casa ma si compra “il piacere dell’abitare” nella sua massima espressione di comfort, eleganza e leisure».

Approfondimenti:
Qualche idea per arredare una stanza da bagno lussuosa? Qui cinque consigli.
Una residenza davvero esclusiva? Ecco dove andranno ad abitare Harry e Meghan.

Altre letture consigliate

Un casale bohemien in Umbria per due sognatori olandesi

Marcella Guidi

I castelli: alberghi di lusso e residenze di charme

Sara Perro

Gerusalemme: il mercato immobiliare

Redazione