Si torna a investire in Gallura

di Alessandro Luongo

Un angolo Di Liscia Di Vacca in Costa Smeralda

Se Porto Cervo rimane la meta più gettonata, con ville a prezzi stellari, Golfo Aranci è l’alternativa di qualità per un lusso sostenibile

Nel 2022 la Costa Smeralda “compirà” 60 anni. Quell’agglomerato di case e stazzi che nel 1880 contava appena 80 abitanti è cresciuto a livello esponenziale diventando una delle mete più ambite a livello planetario. Da allora il borgo di Porto Cervo prima, poi Baja Sardinia e Poltu Quatu si sono trasformati in simbolo e traino dell’economia del turismo sardo, accanto ai centri di Cannigione, Abbiadori, Liscia di Vacca.

Pubblicità
Il centro di San Pantaleo, circondato dalle montagne

E la domanda di immobili di prestigio, dopo l’anno terribile della pandemia, è tornata a salire anche da parte degli italiani. “Si registra difatti un alto tasso d’interesse nella richiesta di acquisti, alcuni dei quali già tramutati in accordi ufficiali nei mesi primaverili – afferma così Susanna Murru, presidente provinciale Fiaip Centro Nord Sardegna

Articolo pubblicato su Ville&Casali agosto 2021

Continua a leggere sul portale immobiliare

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Rifugio del cuore

Un antico cascinale immerso nella verde quiete dell’Al...

Un biolago tra i pini, a due passi dal mare

È nel cuore della Maremma toscana, immersa in una pine...

Una villa veleggia verso Ortigia

Sul promontorio del Plemmirio, di cui parla Virgilio n...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Architetture d’acqua

Nelle piscine Edilfare, l’acqua è protagonista di sens...

Ville&Casali su Instagram