fbpx
19 Ottobre 2019
Ville&Casali
Arte e design
Storie

L’architettura è arte e servizio

Marco-Pellini-Architetto“L’architettura è un’arte e un servizio. Un mestiere che va oltre alla semplice immagine, è creatività, scienza, emozione ma soprattutto responsabilità sociale verso le generazioni attuali e future: è sostenibilità” –  così Michele Perlini, architetto con una forte vocazione verso il rispetto dell’ambiente, definisce la propria idea di architettura, che appare chiara nei suoi progetti, dove spazia fra la realizzazione di edifici multipiano fino a, cambiando radicalmente scala, studi di interni o di singoli elementi d’arredo.

 

“Ogni realizzazione del nostro studio lega il rispetto dell’ambiente alla tecnica, alla conoscenza verso le nuove tecnologie, allo studio delle forme, della materia e della luce. Scienza, conoscenza, comfort e qualità della vita per riuscire a percepire il “lusso” del vivere sano come criterio fondamentale della nostra quotidianità”.

U2na filosofia compositiva che si rispecchia anche nei progetti di interior design, dove semplicità, qualità, stile e funzionalità sono le caratteristiche principali.

La gestione degli spazi viene connessa al carattere degli ambienti: efficienza energetica, luce naturale, riduzione del rumore, rapporto fra natura e luogo e comfort termo-igrometrico e acustico sono alla base di ogni progettazione. Ed è così che nascono e si sviluppano progetti che hanno ottenuto numerose certificazioni e vinto premi di architettura; è il caso del primo luxury hotel certificato CasaClima Welcome, il Suite of Juliet, o della Suite Armchair disegnata per Slow Wood e della realizzazione del primo prototipo della Casa Farnsworth passiva, oltre ad elementi d’arredo presentati al 100% Design di Londra e al Salone del Mobile di Milano.

 

 

a cura di Antonia Solari

Altre letture consigliate

Salone del Mobile, lo stile italiano si racconta a Mosca dal 9 al 12 ottobre

Una villa in Brianza per vivere sempre in vacanza

Mary MIinerbi

Millennial pink: 11 idee per arredare con gusto nel segno del rosa

Claudia Schiera