A Gavi, dieci cantine piemontesi si uniscono per un grande vino

di Redazione Ville&Casali

In Piemonte, dieci aziende produttrici del vino Gavi, diverse per dimensione e anzianità, hanno creato l’associazione Golden Gavi e un itinerario turistico-enologico, il cui motto è ”Dalla Terra al Bicchiere” con il logo che simboleggia un grappolo dorato con dieci acini, quante sono le Aziende: Biné, Castellari Bergaglio, Fontanassa, Il Poggio, Giustiniana Antica Tenuta, La Bollina, La Chiara, La Mesma, Marchese Luca Spinola, Tenuta San Pietro. L’idea vincente: promuovere storia, cultura, paesaggio e gusto di un “terroir” poco noto. Il risultato: un percorso enologico-cultural-naturalistico, inaugurato ai primi di maggio che congiunge le aziende. L’itinerario: 30 chilometri attraverso boschi e colline nella valle del fiume Lemme, percorribili, anche solo parzialmente, in mountain bike o a piedi con bicchiere al seguito per piacevoli degustazioni in azienda.

Grande bianco da invecchiamento, il vino Gavi esprime varietà di gusti e profumi a partire da due anni dalla messa in bottiglia. Va servito a 10-12° con primi piatti di pasta e risotti di pesce. Perfetto con carni bianche, grazie alle possibilità di migliorare nel tempo, sostiene il confronto anche con sapori intensi, come il sapido pesto e i piatti di pesce al pomodoro, compresi brodetti e cozze alla marinara. Imperdibile, poi, l’unione con il raviolo, altra gloria locale, a volte proposto in profumato brodo di Gavi. A tutela di entrambi, è stato istituito nel 1973 l’Ordine dei Cavalieri del Raviolo e del Cortese di Gavi, con tanto di statuto, mantelli bianchi e rossi e collare dorato per i Confratelli. A unire i produttori c’è la volontà di promuovere e tutelare il vitigno autoctono del Gavi, il Cortese, fra i più prestigiosi e nobili del nostro patrimonio enologico e il territorio intorno. Poco conosciuto ma ricco di sorprese. “Nella produzione abbiamo puntato ad esaltare le diverse peculiarità delle terre rosse e delle terre bianche che si concretizzano in vini dalle diverse gamme espressive”, sottolinea Enrico Tomalino, Presidente di Golden Gavi e direttore della Tenuta La Giustiniana, della famiglia di imprenditori savonesi Lombardini.

[nggallery id=12 rel=lightbox]

La zona fra Parodi Ligure e Serravalle Scrivia, Gavi e Novi Ligure, dove il vino Gavi viene prodotto in circa 1.400 ettari, distribuiti fra 11 comuni e vinificato in purezza. E’ considerato, per complessità di gusto, eleganza di struttura e capacità di lungo invecchiamento, il contraltare bianco del limitrofo Barolo, Dop dal 1974 e Docg del 1998. La vocazione enoica del territorio è documentata già nel 1071 e la denominazione cortese risale al 1659. Il vino Gavi appartiene a un Piemonte dai sapori e profumi di Liguria. Di quei venti salini e frizzanti che arrivano alle vigne da un mare appena dietro il crinale delle colline boscose. Terre di confine e di passaggio, di ricchi traffici protetti dal massiccio Forte cinquecentesco di Gavi. Da visitare assieme, a Novi Ligure, al Museo dei Campionissimi dedicato a Fausto Coppi e Costante Girardengo, cresciuti e abituati ad allenarsi fra queste colline. La zona, dopo essere appartenuta per secoli alla “Superba”, passa alla provincia di Alessandria con l’Unità d’Italia. Sono, infatti, i banchieri, imprenditori e armatori liguri, dai Giustiniani ai Doria, agli Spinola, a costruire qui fra i vigneti, da Novi Ligure a Gavi a partire dal XVII secolo, castelli e ville per la villeggiatura.

Intorno, lungo il fiume Lemme, grandi spazi naturali, centri storici ricchi di cultura sfuggiti al turismo di massa. L’itinerario alla scoperta del “Cortese” offre inattese suggestioni: come la via delle ville. Fra radure e boschetti appaiono le antiche residenze seminascoste dal fitto dei parchi. Il francese Luigi Oudard, enologo del conte di Cavour che ne esigeva la presenza quotidiana a tavola di Cavour, lo utilizzerà come molti altri per la spumantizzazione e, da 150 anni, il Gavi è alla base dei più interessanti spumanti italiani realizzati con il “metodo classico. La scelta di farne vino bianco che, con i migliori rossi, condivide le potenzialità di invecchiamento, risale all’inizio del Novecento. Oltre alla sosta nelle Aziende del circuito, tanti sono i luoghi che meritano una sosta. Novi Ligure con un centro storico racchiuso fra le antiche mura e antichi palazzi dalle facciate dipinte in stile ligure e l’Oratorio della Maddalena con il Calvario, una preziosa serie di sculture in legno policromo. Nella suggestiva e appartata Val Borbera, natura e panorami emozionanti e un formaggio, il Montèbore, che da solo merita una deviazione.

Alberghi a Gavi

Villa La Bollina: Via Monterotondo 58, Serravalle Scrivia (AL) Tel. 0143.61984 www.hotelvillalabollina.com
Azienda Agricola Il Poggio: Frazione Rovereto – Gavi (AL) Tel. 0143.682081 – 338.3970590 www.ilpoggiodigavi.com
Piccolo Hotel: Piazza Martiri della Benedicta Gavi (AL) Tel. 0143.643485

Ristoranti a Gavi

Le Cantine del Gavi: Via Mameli 69 – Gavi (AL) Tel. 0143.642458 www.ristorantecantinedelgavi.it
Ristorante Belvedere: Loc. Pessinate, Cantalupo Ligure in Val Borbera (AL) Tel. 0143.93138

Dove acquistare  a Gavi

Antico Caffè del Moro: Via Mameli 41 Tel. 0143.642648. Sintesi delle cantine gavesi e amaretti, baci di dama
Macelleria Bertell: Via Mameli 23, Gavi (AL) Tel. 0143.642627. Particolarmente gustosa è la ‘testa in cassetta’ (sopra), una sorta di salame con parti di bovino. Presidio Slow Food di Gavi, con altri salumi e carni locali.

di Picci Manzari

Scopri su Cantine&Sapori le migliori cantine in Piemonte

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Rifugio del cuore

Un antico cascinale immerso nella verde quiete dell’Al...

Un biolago tra i pini, a due passi dal mare

È nel cuore della Maremma toscana, immersa in una pine...

Come i colori cambiano l’immagine di una casa

Lo studio Officina 8a rinnova gli ambienti interni di...

Una villa veleggia verso Ortigia

Sul promontorio del Plemmirio, di cui parla Virgilio n...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Ville&Casali su Instagram