fbpx
10 Dicembre 2019
Ville&Casali
Brand

La filosofia del tappeto

Il tappeto ha una tradizione antichissima. Lo sa bene Fabio Morandi, di Morandi Tappeti che, per coltivare quella che per lui è da sempre una passione, oltre che una professione, ha aperto, all’interno del suo sito, un interessante blog, in cui riporta questo magico oggetto all’interno del proprio contesto d’origine, la cultura orientale, e ne definisce la genesi e lo sviluppo.

Il Medio Oriente è un crocevia di razze, una miniera inesauribile di civiltà dove, alla sorprendente varietà dei paesaggi, fa riscontro la diversità delle culture. Culture che lentamente si consolidano, attraverso le parole, i gesti, la musica ed i colori; elementi che formano convinzioni profonde e che orientano la vita. Il figlio dell’Oriente è spontaneamente portato al dominio di sé, al rispetto verso la natura, alla cortesia, all’accoglienza, consapevole com’è della presenza e del bisogno dell’altro.

100180495
100180520
100180496
100063519

Trionfa il gusto per le piccole gioie che la natura e il Creatore offrono con generosità a coloro che, con occhi limpidi, le sanno scoprire e gustare nel monotono snodarsi della vita quotidiana. “Dio si stanca dei grandi regni”, ha scritto Tagore, “ma non dei piccoli fiori”.  Anche la fatica del lavoro, a volte duro e massacrante, sembra alleggerirsi nell’accettazione del kharma, il destino che accompagna ogni essere umano.

Ed è in questo contesto che nascono alcune delle creazioni tessili più belle e affascinanti della storia, vere opere d’arte. A duecento chilometri da Teheran, Qom è uno dei luoghi di culto preferiti dagli iraniani, che per anni si è conteso il primato della lavorazione dei tappeti con la vicina Kashan. E’ anche da questa rivalità che sono nati tappeti di rara bellezza. Da Kashan provengono alcuni tra i più belli e preziosi manufatti annodati nel terzo quarto del XIX secolo, quelli del maestro Mohtashem; sempre Kashan conobbe nei primi decenni del XX secolo un forte successo commerciale grazie alle opere del maestro Dabir. Nel 1928 però lo Shah spostò alcune pregiate manifatture da Teheran a Qom, favorendo una nuova era del tappeto. Le produzioni di Qom spiccavano per il sapiente utilizzo della seta nei contorni dei disegni e per i serici minuti elementi floreali che brillavano sui tappeti. Cosa che non fu certamente vista di buon occhio dagli abitanti di Kashan, orgogliosi delle loro tradizioni.

A Qom negli anni ’40 si sviluppò una manifattura dalla finissima annodatura e realizzata in seta su trama e ordito in seta. In questo periodo nonostante la rivalità tra le due città, la richiesta di manodopera specializzata che si era sviluppata a Qom, fece affluire  un gran numero di persone, la maggior parte delle quali provenienti da Kashan.

Le informazioni sono tratte dal blog di Morandi Tappeti.

Altre letture consigliate

Come scegliere un tappeto

Claudia Schiera

Tappeti outdoor: 8 idee di stile per i tuoi esterni

Claudia Schiera

Tappeti caucasici antichi a Crema fino a inizio giugno