fbpx
19 Settembre 2019
Ville&Casali
Domotica
Arredare

Domotica: innovazione di casa

Un fatturato in crescita del 34%, dal 2008 al 2014, pari a un giro d’affari di 368 milioni nel mercato della domotica.

Nel 2014, investimenti per oltre 130 milioni di euro per l’automazione degli edifici. La tecnologia piace agli italiani. Se applicata alla casa, ancora di più.

Per questo, il mercato della domotica è in costante espansione, come dimostrano i dati dell’Osservatorio Cresme.

Le previsioni per il futuro sono rosee e indicano un ulteriore incremento del settore tra il 47 e il 70% entro il 2020.

L’obiettivo è aumentare la consapevolezza dei consumi energetici negli utenti e garantire un funzionamento efficace degli impianti. I dispositivi che rientrano nella misura sono quelli che comunicano i consumi attraverso canali multimediali e che forniscono un’analisi periodica dei dati, mostrando le condizioni di funzionamento e la regolazione degli impianti e consentendone l’accensione, lo spegnimento e la programmazione da remoto.

Domotica: un settore in continua espansione

Il mercato, del resto, è maturo. Per rispondere alle esigenze dei clienti, le aziende consentono già oggi il monitoraggio della casa con strumenti touch screen, in grado di mettere in rete tutta la strumentazione dell’abitazione, dall’illuminazione al riscaldamento, passando per la climatizzazione, l’allarme e persino la diffusione di musica.

Oggetti non solo tecnologici, ma anche d’arredamento, capaci di adattarsi allo stile del luogo e di fornire più soluzioni: dal videocitofono, che è in realtà un supervisore per i consumi, al tablet che non solo comunica la situazione degli impianti, ma si personalizza con foto, colori e aggiunge la funzione di controllo mail.

Ad esempio, gli interruttori domotici di Vitrum, comunicano tra loro senza fili attraverso il protocollo wireless Z-Wave per installarli non servono lavori strutturali perché si applicano sulla rete elettrica preesistente. Si possono gestire tramite App, anche a distanza o da un telecomando, che rende semplice la configurazione, offre la possibilità di selezionare fino a quattro scenari di luce e comanda altrettante fonti luminose.

MyHome Screen 10, il nuovo touch screen multimediale di BTicino, ha lo schermo personalizzabile e diventa così complemento d’arredo. Accanto alla programmazione dell’impianto elettrico, consente la gestione dei contenuti multimediali: grazie alla porta USB e alla SD Card permette di ascoltare playlist, guardare foto e condividere video. Inoltre, la connessione a internet permette di navigare sul web e controllare la posta elettronica.

Il cronotermostato wi-fi climachrono di Vimar permette di avere sotto controllo temperatura e umidità nei diversi ambienti di casa, anche da remoto e grazie a una connessione sicura via internet. si usa con l’app by-clima, scaricabile su smartphone o tablet e disponibile in tutti gli store per IoS, Android e Windows Phone. si configura attraverso una procedura guidata.

Icona manager di Comelit, oltre ad essere usato come semplice videocitofono a colori, può essere sfruttato come supervisore per tutte le funzioni domotiche degli impianti e dispositivi di casa: dal riscaldamento al sistema di allarme fino alla diffusione sonora. È dotato di tasti sensitive touch, che si attivano con lo swipe, lo scorrimento delle dita. la funzione di gestione offre un controllo costante sui sistemi, agendo in modo da abbattere i consumi.

Altre letture consigliate

A cena d’improvviso con un forno multitasking

Giorgia Bollati

Freschezza hi-tech in cucina

Leonardo Selvetti

Smart Home: 5 idee per una cucina tecnologica

Silvia Quaranta