16 novembre 2018
Ville&Casali
Interni Primo Piano

Stile nippo-italiano: la novità del momento per l’arredo

Lo stile nippo-italiano è la novità del momento per l’arredo. Il segno grafico leggero, l’eleganza calibrata delle linee, la cura dei materiali e la grande attenzione ai volumi, questo è il design giapponese. Un design essenziale e di qualità, con alle spalle una grande tradizione nazionale e una progettualità importante che ha radici profonde. In modo particolare, in questi ultimi anni, trova in Italia, e con i marchi italiani più importanti, una grossa sinergia che ha portato a interessanti collaborazioni italo nipponiche.

Lo stile nippo-italiano è un vero e proprio scambio progettuale e culturale, che affonda le sue radici nel passato.

Da sempre paradigma di qualità estetica, la cultura giapponese si traduce, nel design contemporaneo, nell’essenzialità delle linee, in una rispettosa funzionalità e in un rigore formale che non significa solo minimalismo estremo. E se in principio, una delle prime fruttuose collaborazioni fra i due Paesi, fu quella fra Shirō Kuramata, designer nato a Tokio, e Cappellini, per cui Kuramata divenne dal 1987 il progettista di punta sulla scena internazionale, oggi le partnership, che arricchiscono lo stile nippo-italiano, sono tantissime.

Diversi sono, infatti, i progettisti giapponesi che hanno sviluppato collaborazioni con marchi italiani, si va dal richiestissimo Naoto Fukasawa, al celebre studio di design Nendo, guidato dall’affermato architetto Oki Sato, alla coppia Setsu & Shinobu Ito, giapponesi di nascita e di studi, ma milanesi d’adozione, o al duo Mist-o formato da Noa Ikeuchi e Tommaso Nani, di nazionalità rispettivamente giapponese e italiana.

Un panorama articolato, quello dello stile nippo-italiano in cui questi sono soltanto alcuni degli attori. Da queste collaborazioni nascono continuamente progetti e oggetti che sono la sintesi non soltanto dei due mondi, solo apparentemente distanti, ma anche la scoperta di un linguaggio nuovo sempre più compiuto, dal confine sempre meno marcato.

Lo stile nippo-italiano si traduce in arredi dalla grande purezza visiva, ammorbiditi da lavorazioni italiane e in giochi di contrapposizioni estetiche armonizzate dal sapiente lavoro artigianale.

Un abaco di elementi e segni ormai non più nuovo, ma sempre aperto alle contaminazioni culturali. Lo stile nippo-italiano ha una creatività raffinata e sussurrata che punta a conquistare un pubblico esigente e ricettivo, aperto a 360°agli scambi internazionali.

Se cerchi altri consigli per il tuo arredamento, consigliamo la lettura di Nuovi divani: comodi, contemporanei, perfetti per arredare e Librerie di fantasia – modulari in stile contemporaneo

Altre letture consigliate

Arredo di lusso e tecnologie su misura per progetti esclusivi

Redazione Ville&Casali

Nuove tendenze tappeti: scegli il verde per la tua casa

Claudia Schiera

Passione per il vintage: guida all’acquisto degli oggetti iconici degli Anni ’60

Paolo De Petris