fbpx
13 Dicembre 2019
Ville&Casali
Interni Primo Piano

Camini d’autore: il camino interpretato in 6 progetti su misura

Un elemento che caratterizza lo stile del soggiorno, nell’interpretazione di sei progetti su misura.

1. GEMELLI DIVERSI – Driusso Associati e Massimo Scatto

La villa, nell’entroterra veneziano, è stata progettata da Roberto Driusso (Driusso Associati). Gli interni sono opera del proprietario, l’imprenditore Massimo Scatto: un mix di semplicità e ricercatezza, ottenuto con un uso equilibrato dei materiali, soprattutto ferro, legno e vetro.

Un ruolo rilevante per ottenere questa atmosfera è svolto dai camini a legna, dice Scatto – e li ho voluti più per motivi estetici che di riscaldamento, collocandoli nelle due zone della casa destinate alla socialità: la taverna e il living.

Roberto Driusso, Dirusso Associati

Entrambi della collezione Plasma di MCZ, in taverna è stato installato un modello trifacciale che segnala la separazione fra area pranzo e area relax. La fiamma è visibile da tutti i punti della stanza ed è l’elemento distintivo che dà carattere a tutto l’ambiente.

Altro protagonista dello spazio è il camino frontale nel living al piano terra, con funzionamento a convenzione naturale. Il rivestimento, in cartongesso ignifugo, include sul lato destro delle nicchie portaoggetti e sul frontale, accanto al camino, un portalegna rivestito in ferro, che crea un taglio verticale, spezzando l’uniformità della facciata e inserendo la nota naturale dei ciocchi di legna. (Consulenza progettuale dell’arch. Paola Cesaro, MCZ Group)

L’interior decorator

Massimo Scatto, imprenditore, ha acquistato questa villa in un momento di evoluzione professionale e personale. Per anni responsabile commerciale di una multinazionale, aveva appena avviato una sua attività e ha curato personalmente l’interior design della sua nuova casa.

2. UNA VILLA SULL’APPIA ANTICA – Mohamed Keilani

La ristrutturazione, di un’abitazione sull’Appia Antica, una delle zone più evocative di Roma, firmata da Mohamed Keilani con la collaborazione dell’arch. Claudia Famiglietti. Un progetto che valorizza arredi e opere d’arte in un contenitore neutrale, dove ferro, legno, cemento e marmo suggeriscono un gusto classico virato al contemporaneo.

Il soggiorno accoglie icone del design e recupera oggetti antichi o solo “vecchi”, grazie anche alla collaborazione con Oh My Lab. Il camino a gas, alto 220 cm, largo 110 cm e profondo 35 cm, ha la parte meccanica Focus di Italkero (Cristofari Ceramiche). La struttura in ferro e la canna fumaria sono state realizzate dall’artigiano Piero Sabatucci, ma è soprattutto il rivestimento in marmo, fornito e posato in opera da Marmi D’Elite, a renderlo un manufatto importante, che diventa protagonista nel living minimale.

Abbiamo sostituito e rivisitato il camino della vecchia preesistenza – il classico focolare in muratura degli anni ’70, creando un elemento scultoreo lineare ma dall’estetica potente, valorizzato dall’impiego dell’elegante marmo rosso Levanto, riproposto anche in altri ambienti della casa, e dagli inserti in ferro verniciato nero.

Mohamed Keilani

Il progettista

Figlio di Salah Keilani, artista siriano di fama internazionale, l’architetto Mohamed Ghais Keilani ha seguito un interessante percorso di formazione culturale tra Oriente e Occidente, tra l’Italia e la Siria, culminato nel 2016 con la fondazione dello studio MGK Architects, che si dedica alla realizzazione di progetti di interni per committenze private in Italia e all’estero.

Altre letture consigliate

Guillaumier: Ecco come sarà la casa del futuro

Veronica Balutto

Open space industrial ma molto chic

Eleonora Bosco

Emozioni di luci in un open space

Marcella Guidi