fbpx
22 Gennaio 2019
Ville&Casali
Arredare Esterni

Le tende da sole, un toccasana per i mesi estivi

Volete difendervi dalla calura dei mesi estivi?
Perché possiate godervi la bella stagione anche all’aperto senza rosolarvi, siete costretti a istallare una protezione sui vostri spazi outdoor?

Le tende da sole sono un’ottima soluzione per creare gradite porzioni d’ombra entro cui ritagliarsi spazi di tempo ricreativi e rifocillanti.
Schermare i vostri spazi aperti, oltre a consentirvi l’utilizzo durante i mesi estivi, vi renderà attraenti benefici:

  • risparmierete energia elettrica impedendo che i raggi UV surriscaldino gli ambienti e che i climatizzatori, o ventilatori, siano in uso per diverse ore del giorno. Proprio per questo motivo l’istallazione di una tenda da sole verrà considerata come operazione di riqualificazione energetica. Inoltre, vi permetterà di diminuire la temperatura della vostra casa dai 2 ai 5 gradi.
  • potrete utilizzare il tendaggio esterno come parte d’arredo e, se opzionato secondo uno stile decorativo, fornirà valore aggiunto all’estetica della vostra abitazione.

Tessuto in acrilico o in cotone

Per il telo le fibre sintetiche, come l’acrilico 100%, forniscono un tessuto abbondantemente resistente, essendo trattate con resine e teflon. Alcune delle caratteristiche fondamentali:

  • è idrorepellente e tinto in profondità;
  • non dovrete preoccuparvi di difendere la tenda da strappi, muffe o macchie tenaci;
  • le texture sintetiche offrono una buona protezione dai raggi UV.

Lo stesso non si potrà dire per i materiali in fibre naturali: il cotone è un tessuto delicato, soggetto ai danneggiamenti del maltempo e all’insorgenza del sole, e tende, quindi, a scolorire.

Il telaio, connettivo degli ingranaggi a sostegno delle vostre tende, potrà essere in legno, PVC o alluminio. A voi la scelta. Considerateli, in ogni caso, materiali trattati per resistere al sopraggiungere d’ogni stagione.

E’ fondamentale la scelta del colore. Siate oculati anche in questo: i colori più accesi sono preferibili per gli spazi all’aperto. Per un effetto esteticamente impattante cercate sempre di abbinarci il bianco, capace di filtrare la luce senza respingerla completamente. Tenete, in ogni caso, presente la colorazione dell’edificio esterno che traccerà per voi il sentiero e vi condurrà alla scelta. Sarà ancora più facile se rispetterete le buone pratiche in maniera di accostamento dei colori.

Esistono in abbondanza textures e motivi cromatici capaci di soddisfarvi secondo la specifica destinazione d’uso e gli spazi che ritenete debbano essere avvolti e protetti.

Ecco a voi alcuni dei modelli più utilizzati, ciascuno risponde ad una precisa ratio:

  • Tenda a caduta. Comunemente impiegata, questo tipo di tenda ha una struttura minimal ed è perfetta per gli spazi che godono già di una copertura, come offre, ad esempio, il terrazzamento dell’inquilino del piano di sopra. Il telo scende verticalmente da un rullo. Perfetto elemento decorativo.
  • Tende ad attico. Questo modello offre un particolare beneficio se il tempo non regge come dovrebbe. Sono adatte a coprire spazi esterni molto ampi e vengono sostenute da struttura in metallo resistente.
  • Tende a bracci. Conservano un esterno piuttosto uniforme e teso. Sono robuste e affidabili, regolabili manualmente o in maniera automatizzata.
  • Tende a cappottina. Il modello offre un riparo superiore riuscendo a coprire, parzialmente, sia in maniera frontale che laterale lo spazio.