Ritmi luminosi: l’importanza della luce negli spazi esterni

di Paola Addis.

[penci_blockquote style=”style-2″ align=”none” author=”Stefano Dall’Osso, lighting designer”]La facciata di un complesso residenziale o di un’abitazione privata deve essere riconoscibile e identificabile anche di notte, quando i dettagli architettonici non sono più visibili. La luce deve valorizzare l’edificio e seguirne l’andamento, senza creare un effetto troppo vistoso. [/penci_blockquote]

Utilità e fascino dunque i ruoli principali dell’illuminazione esterna secondo il lighting designer Stefano Dall’Osso.

Per quanto riguarda la funzionalità dell’illuminazione, invece, sono diversi gli obiettivi che si possono perseguire.

[penci_blockquote style=”style-2″ align=”none” author=”Stefano Dall’Osso, lighting designer”]Ad esempio, un’illuminazione perimetrale può sottolineare i confini della proprietà, mentre quella di un camminamento aiuta a trovare i punti di accesso alle zone di entrata. Progettare la luce in modo adeguato significa creare percorsi che stabiliscono priorità di accesso, nonché rendere utilizzabili spazi e luoghi comuni anche durante le ore notturne.[/penci_blockquote]

La parte esterna della casa è infatti un luogo in cui le persone amano trascorrere il proprio tempo, soprattutto nei momenti di relax e, attraverso l’illuminazione, se ne può rinnovare il fascino.

Dall’Osso suggerisce di «evidenziare in maniera appropriata gli elementi di maggior rilievo come piante, panchine, camminamenti, senza interferire con l’ambiente o creare abbagliamento. Affinché la luce assuma il ruolo di rendere visibili gli spazi, creare atmosfere ed emozionare».

A questo punto non resta che scegliere gli apparecchi che più si addicono al proprio gusto e contesto. La varietà permette performance e soluzioni ogni volta diverse e personalizzate. L’importante è che gli apparecchi siano «dotati di alto grado di protezione per resistere agli agenti atmosferici e costruiti con materiali adatti e resistenti agli agenti aggressivi che possono caratterizzare un ambiente esterno». Per una progettazione di lunga durata.

1. PAOLA LENTI

La corda di filato Robe che crea l’intreccio è un materiale Paola Lenti, così come il design di queste lampade a led utilizzabili sia a terra sia a tavolo. Alimentate a batteria ricaricabile, hanno un’autonomia di sei ore alla massima luminosità e sono adatte anche all’interno.

Visita il sito web di Paola Lenti

Pubblicità

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Emozioni azzurre sul Lago di Bracciano

A nord di Roma, la natura crea un quadro dalle sfumatu...

Un’isola che incanta

Simone Ciarmoli e Miguel Queda hanno costruito il loro...

Puglia contemporanea

L’intervento di restyling dell’arch. Giuseppe Milizia...

Ville&Casali su Instagram