Il rinascimento del Chianti classico

di Loredana Ficicchia

Il rinascimento del Chianti classico
Tipico paesaggio chiantigiano

Un territorio di 70 mila ettari tra Firenze e Siena che presto l’UNESCO potrebbe identificare come patrimonio dell’umanità. I luoghi da visitare

La migliore architettura del Rinascimento ha disegnato nel Chianti castelli e fortezze protetti da guarnigioni di cipressi e ondulati vigneti. Peculiarità e in alcuni casi unicità sono le carte che questo territorio ha messo sul tavolo della World Heritage List, per essere identificato tra i siti Unesco come patrimonio dell’Umanità.

Pubblicità
Il rinascimento del Chianti classico
Il castello di Brolio

Ci credono gli amministratori del territorio – 70 mila ettari di superficie tra Firenze e Siena – col suo motore economico sorretto da agricoltura, turismo, manifattura, paesaggio e cultura e la Fondazione Chianti Classico…

Articolo pubblicato su Ville&Casali di ottobre 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti