fbpx
19 Novembre 2019
Ville&Casali
Alta Badia
Reportage Trentino Alto Adige

Sciare con gusto in Alta Badia e Val Gardena

In Alta Badia e Val Gardena si valorizzano lo sport e i prodotti del territorio per un life style unico, che attrae il turismo di lusso.

Alta Badia sugli sci e a tavola

Negli ultimi anni l’Alta Badia si è profilata sempre più come località che offre la massima espressione di momenti di piacere in montagna.

L’Alta Badia è un territorio che si può vivere con gli sci ai piedi, grazie ai suoi 500 chilometri di piste.

Offre inoltre molti eventi legati alla gastronomia, che fanno vivere la montagna a 360 gradi e rappresentano un’occasione unica per scoprire le eccellenze enogastronomiche dell’Alto Adige.

Sommelier in pista da sci

Anche quest’anno viene riproposto l’evento Sommelier in pista. Sette appuntamenti fino a marzo che prevedono favolose sciate sulle piste dell’Alta Badia, abbinate alla degustazione nei rifugi di alcuni tra i più pregiati vini dell’Alto Adige. I partecipanti saranno accompagnati da un maestro di sci oltre che da un sommelier professionista, allo scopo di valorizzare il connubio fra lo sci e i prodotti d’eccellenza del territorio. (Informazioni a questo link).

Altro evento enogastronomico importante sarà il Wine SkiSafari. Il 24 marzo i migliori vini altoatesini saranno portati in quota per una degustazione esclusiva presso i rifugi Piz Arlara, Bioch, i Tablà e Pralongià in Alta Badia. (Informazioni a questo link).

Alta Badia S.Cassiano
Alta Badia, S.Cassiano

In Alta Badia si investe continuamente.

Gli impianti di risalita sono costantemente ristrutturati. Si trovano alberghi di alto livello, il wellness, e un’ottima gastronomia. Soltanto in questa zona ci sono sei stelle Michelin che attraggono un turismo raffinato.

Oggi i comprensori sciistici grandi sono quelli che funzionano. L’ospite vuole avere uno skipass unico, un bell’albergo, una zona benessere, andare fuori e mangiare bene nonché trovare noleggi con sci di ultima generazione. Tutta la catena deve funzionare per una vacanza felice

Roberto Huber

Migliorare la viabilità e la sicurezza sulla neve

Abbiamo anche un grande progetto in ballo per la viabilità, prima di tutto per l’entrata in Val Badia. È un progetto di infrastruttura che dovrebbe partire quest’anno per non creare le code al rientro, soprattutto in inverno. Perché delle quattro vie d’accesso tre sono passi, che in inverno sono spesso chiusi. Si sta lavorando anche per creare mezzi pubblici che permettano di arrivare e muoversi in Val Badia. Molto importante anche la tecnologia dell’innevamento, questa è la grande sfida del turismo invernale: la sicurezza neve. Grazie a un sistema di settanta ore di innevamento possiamo collegare tutti i paesi

Roberto Huber
Ortisei, Val Gardena
Ortisei, Val Gardena

La Val Gardena e le sue leggendarie piste da sci

Così come per l’Alta Badia, anche la natura dell’imponente vallata della Val Gardena richiama numerosi turisti. I tre paesi di Ortisei, S. Cristina e Selva Val Gardena sono i punti di riferimento della vallata. Qui si viene per sciare sul leggendario Sella Ronda, sull’Alpe di Siusi, sulla celebre pista della Coppa del Mondo Sasslong o per scendere dal Seceda, l’enorme massiccio del Sella. Mentre il Sassolungo, montagna simbolo della Val Gardena, si erge sopra il comprensorio sciistico ladino rendendolo unico.
Tra le novità di questa stagione ci sono la seggiovia Mezdi all’Alpe di Siusi, una nuova cabinovia a dieci posti ”Piz Setëur”, che porta in cima a uno dei passi del gruppo del Sella, e i miglioramenti alle piste da sci del Col Raiser e del Mont de Sëura.

Vista di Ortisei, Val Gardena
Vista di Ortisei, Val Gardena

Durante la stagione invernale i tre paesi offrono ogni giorno esperienze speciali con il programma settimanale “Val Gardena Active” che prevede escursioni serali con le ciaspole o serate organizzate nei rifugi. Inoltre anche in questa valle c’è un calendario ricco di appuntamenti invernali. Sport e divertimento saranno protagonisti anche durante il periodo di Carnevale e poi a fine stagione con la Sellaronda Ski Marathon, il 22 marzo, e con la leggendaria Gardenissima, tra il 30 e il 31 marzo 2019.

Tra sport e tradizioni

La Val Gardena è un luogo autentico che non ha perso la sua cultura, la sua lingua e il suo fascino. Che si tratti dell’intaglio del legno o degli abiti tradizionali, la cultura ladina è un patrimonio vivente della Val Gardena. Ortisei è famosa per il suo artigianato della scultura in legno. I suoi vicoli e le piazze tra la chiesa parrocchiale di Sant’Ulrico e la chiesa di Sant’Antonio invitano a fermarsi in uno dei caffè. Al museo ladino si possono ammirare le peculiarità della cultura ladina. Selva di Val Gardena è invece quella considerata più sportiva per il Sellaronda, il giro più famoso delle Dolomiti, accessibile direttamente dal centro del paese. S. Cristina, che si trova tra le due cittadine, è il paese più piccolo della valle. Il suo centro storico con i vecchi masi, la chiesa e il cimitero si trovano nella parte alta della cittadina.

Per sapere di più sulla cucina dell’Alta Badia e della Val Gardena, sul numero di gennaio 2019 di Ville&Casali trovi i nostri consigli su dove mangiare e dormire e una esclusiva intervista allo chef Norbert Niederkofler sul progetto Cook the Mountain.

Corri in edicola oppure acquista un abbonamento a Ville&Casali con un fantastico sconto del 60% per festeggiare insieme i nostri 30 anni!

Approfondimenti:
Stai progettando una gita in Trentino Alto Adige? Leggi Le strade del Vino e dei Sapori.
Lo sapevi che la Val Gardena è famosa per le bambole in legno? Scopri qui questa antica tradizione.

Altre letture consigliate

Frantoi Aperti torna a celebrare l’Olio Extravergine di Oliva Dop in Umbria

Enrico Morelli

La cucina secondo lo chef Alessandro Borghese

Maria Paola Gianni

Il Baccanale: una guida alle feste del vino in Italia

Giorgia Marino