fbpx
6 Dicembre 2019
Ville&Casali
Primo Piano Ristrutturazioni

La rinascita di una vecchia filanda

Chi percorre i fitti sentieri immersi nella rigogliosa natura della Val Cavallina non può che innamorarsene. Posta a est della città di Bergamo è caratterizzata dalla presenza costante dell’acqua ed è costituita da piccoli centri raggruppati in sette comuni.

In uno di questi sette comuni della Val Cavallina, una vecchia filanda industriale è stata ristrutturata.

Una famiglia di imprenditori locali, che opera nel settore delle costruzioni, ha acquistato questo vecchio opificio e l’ha trasformato nella propria residenza, combinando, in modo esemplare, eleganza e tradizione.

Inizialmente la costruzione era in uno stato di totale abbandono. Il recupero delle murature esterne e la valorizzazione delle aperture originarie è stato il punto di partenza di una grande opera di restauro e riqualificazione.

Giulia Sciumé, architetto dello studio Arcoquattro

La struttura si trova al centro della corte di un complesso monumentale che originariamente era destinato ad uso di filanda per la lavorazione e filatura dei tessuti. La metratura interna, di circa 350 mq, è divisa su tre livelli, organizzati seguendo un criterio distributivo degli ambienti di impronta tradizionale e rispettando, al contempo, l’esigenza dei proprietari di disporre di uno spazio giorno fluido e scenografico, ideale per esporre le splendide opere d’arte contemporanea, loro grande passione.

Indirizzario web:

Visita il sito web dello studio Arcoquattro

Altre letture consigliate

Mood alpino e accenti Déco in una casa a Cortina

Paola Pianzola

Open space industrial ma molto chic

Eleonora Bosco

Case a 1 euro? Un affare

Alessandro Luongo