Vivere la montagna oltre il turismo

di Redazione Ville&Casali

La richiesta di vita in luoghi rurali, post Covid-19, è in crescita. Ma il territorio è davvero pronto a rispondere all’offerta? Seguite il webinar gratuito venerdì 15 maggio 2020 | ore 17,40

È uno degli effetti della pandemia Covid-19: la nuova attenzione alla vita salubre porta, d’istinto, la popolazione a sognare di vivere in un luogo “ameno”, in montagna o campagna. Ma recuperare i borghi rurali e di montagna come unità territoriali di socializzazione e di vita, dopo anni di progressivo spopolamento, è un sogno passeggero di chi troppo è rimasto confinato fra quattro mura di un piccolo alloggio in città o una possibilità concreta che si apre per il futuro? La spinta alla biofilia ci porterà a vivere sempre di più in spazi aperti?
Il dibattito – come richiamato dall’Uncem – va affrontato senza slogan, ma con concretezza e responsabilità. È necessario mettere in atto una pianificazione che prenda in esame, innanzitutto, le necessità per la rifunzionalizzazione dei territori: dalle connessioni infrastrutturali dei territori rurali e montani fino alla riorganizzazione dei servizi e al ridisegno delle identità, a partire da quelle fisiche. Cioè  il patrimonio costruito. Gli edifici residenziali e non, pensati spesso come strutture stagionali, nella maggior parte dei casi non sono efficienti o non sono pensati per ospitare una vita su 365 giorni all’anno. Lo stesso vale per i luoghi e gli spazi pubblici. Garantire una nuova vita ai territori “interni” significa anche coordinare bene i progetti, le risorse che arrivano dall’Europa e ragionare su nuovi concetti di sostenibilità (paesaggistica, economica e sociale) e di salubrità, anche rispetto alla messa in sicurezza e alla dotazione di servizi essenziali, come la scuola e la sanità. A vincere la sfida saranno, infatti, quelle comunità che avranno saputo meglio comunicare i propri valori e i vantaggi di una vita immersa nella natura, ma integrata al sistema della aree metropolitane.

Pubblicità


Il webinar – organizzato dall’Associazione Home, Health & Hi-Tech insieme a Uncem (l’Unione dei Comuni Montani) – sarà realizzato con il supporto di una regia professionale e potrà essere seguito con accesso diretto così come sul canale Facebook di HHH. Home, Health & Hi-tech è un progetto di comunicazione nato proprio per approfondire il tema della salubrità del vivere indoor e outdoor affronta il tema in un primo incontro organizzato in collaborazione con Uncem nazionale.

Per partecipare collegarsi al link:

https://global.gotomeeting.com/join/778675877  Codice accesso: 778-675-877

L’evento sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook di HHH

Ville&Casali ha scelto di essere media partner dell’evento anche in virtù dell’inchiesta pubblicata sul numero di maggio dedicata proprio alla rinnovata scelta degli italiani verso la campagna o le destinazioni fuori città.


L’appuntamento è realizzato con il contributo di Fresia Alluminio, azienda che da 50 anni (1970 – 2020) è un’eccellenza nella produzione di sistemi ecosostenibili per i serramenti ad alta efficienza energetica ed impegnata nella volontà di “Ripartire in Sicurezza” 

Per maggiori informazioni: www.fresiaalluminio.com

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Emozioni azzurre sul Lago di Bracciano

A nord di Roma, la natura crea un quadro dalle sfumatu...

Una villa proiettata verso l’infinito

Costruita dallo studio MYGG di Milano su un vecchio ru...

Un’isola che incanta

Simone Ciarmoli e Miguel Queda hanno costruito il loro...

Ville&Casali su Instagram