Portofino: un eremo dei sapori

di Redazione Ville&Casali

Portofino

La passione per il borgo ha spinto residenti e frequentatori di Portofino, circa una decina, a costituire una società con lo scopo di recuperare le tradizioni locali, porre fine allo stato di abbandono delle campagne e riqualificare alcuni spazi disabitati da lungo tempo.

Nonché, rendere Portofino un luogo vivo dodici mesi l’anno, destagionalizzando e incrementando il turismo e soprattutto far conoscere i prodotti tipici del borgo in Italia e all’estero.

Per la ristrutturazione del Fondaco, prima abbandonato e ora fulcro delle attività di Niasca con gli uffici, il laboratorio, il frantoio e la sala didattica, il progetto ha coinvolto l’architetto e museografo Luca Cipelletti e David Tremlett, artista inglese di fama internazionale, che insieme hanno avviato una ricerca approfondita sulle tipologie tradizionali dell’architettura e della facciata ligure.

PortofinoI materiali sono stati scelti rispettando la tradizione locale: la pietra di Bedonia lavorata a spacco naturale, in passato utilizzata per la pavimentazione urbana locale; il legno di ulivo proposto in modo contemporaneo nelle porte, nei mobili e per il tavolo principale; l’intonaco trattato ad arenino e la scelta dei colori interni che riprendono quelli delle facciate esterne.

Un progetto totale in cui le geometrie trapezoidali, presenti in facciata, ritornano nel disegno dei dettagli: dalle maniglie di mobili e porte, al decoro dei piatti, fino alle luci che, studiate dallo Studio Pasetti, ripropongono il segno concettuale del progetto.

Cuore verde del progetto è la campagna alle pendici del monte di Portofino, a due passi dalla storica piazzetta e con vista inedita sul borgo.

Qui, il lavoro di intervento sul terreno è stato notevole, attraverso la piantumazione di erbe aromatiche, di agrumi, il recupero delle coltivazioni antiche come quella della mela limonina, oltre alla regolare manutenzione di centinaia di ulivi”, racconta a Ville&Casali Alice Paraboschi, agronoma del gruppo.

I prodotti tipici di Portofino

Arricchiscono l’offerta la realizzazione di due laboratori per le produzioni alimentari, l’apertura di uno spazio di degustazione e vendita di prodotti, i corsi nella sala didattica in collaborazione con enti e scuole, ma non solo.

Croceristi, escursionisti e turisti possono cimentarsi in corsi di cucina e di pesto al mortaio, o dedicarsi a degustazioni di olio.

A Villa Prato, altro spazio importante di Portofino, vigneti, aranceti e uliveti fanno da cornice alla splendida vista sul mare.

Una grotta viene usata come cantina per i vini e la birra e qui è possibile fare visite e percorsi enologici.

PortofinoTra i prodotti a marchio Niasca: la Limonata del Tigullio, che unisce all’intensità del limone le fini note dei fiori bianchi di sambuco; il Pesto Ö Magazín, uno dei sapori più autentici della tradizione ligure, è una versione senza aglio, a lunga conservazione, non pastorizzato ma conservato in sale e aceto di vino; e ancora, le olive, l’olio, il vino, le marmellate di arancia, fico mandarino e limone, le Picagge, tipica pasta secca, la Salsetta Portofino, un misto di pesto e pomodoro, le origini della cui ricetta si perdono nelle tradizioni delle famiglie portofinesi.

C’è chi dice che era un modo per “allungare” il pesto, condimento a quel tempo caro e non di uso quotidiano.

Divertenti e originali le etichette che accompagnano i prodotti, realizzate come finte cartoline.

Il nome del progetto, decisamente curioso, deriva proprio dall’eremo di Niasca, che prende il nome dalla valle in cui è situato, che doveva inizialmente far parte del progetto.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Scopri come abbonarti

1 anno a soli 33,00 €

Partner

I più letti

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Cinque fiori profumati da piantare in aprile

Il grigiore dell'inverno è ormai solo un ricordo: la pr...

Country chic nel cuore del Monferrato

A Costigliole d’Asti, una dimora con origini che risal...

Arredi esclusivi in Toscana

Un itinerario che parte da Firenze, la culla della cul...

casale ristrutturato umbria

Design in un casale ristrutturato tra gli ulivi

A cinque minuti dalla città di Perugia, dopo aver varca...

Ville&Casali su Instagram