Una casa a Sidney rifiorisce come una rosa

di Marcella Guidi

Una casa a Sidney rifiorisce come una rosa
La facciata principale della villa, sorta sulle ceneri di un antico parcheggio

Lo studio Brcar Morony Architecture supera le “spine” della posizione in una strada chiusa e i rumori di un’autostrada vicina

Una villa degli anni Settanta è rifiorita a Sidney come una rosa, pur essendo attorniata da tante spine: una strada chiusa e un’autostrada che le passano accanto. Rivestita da una facciata di mattoni e da feritoie, come un castello medievale, dallo studio di architettura australiano Brcar Morony Architecture, è stata isolata dai rumori e dagli edifici vicini.

Pubblicità
Una casa a Sidney rifiorisce come una rosa
La sala da pranzo con la cucina e il living occupano un ampio open space

Oltre a creare un “muro di cinta”, i mattoni riciclati della vecchia casa sono stati usati per dare calore e carattere alla facciata, nonché a migliorarne la vista esterna. Inoltre, per gli infissi esterni è stata utilizzata una carpenteria in acciaio nero, sinonimo di robustezza. Attraversando la villa, la solidità della facciata si alleggerisce fino ad esaurirsi tra gli spazi interni ed esterni…

Articolo pubblicato su Ville&Casali di dicembre 2023

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.