fbpx
22 Gennaio 2020
Ville&Casali
Primo Piano Ristrutturazioni

Un antico fienile ristrutturato diventa il rifugio del cuore

Il luogo è la Val Cordevole, la stretta gola che incide le Dolomiti Bellunesi a partire dal Passo Pordoi, una vallata che non ha mai cancellato i segni del suo passato.

Qui, a pochi chilometri da Arabba, una coppia di professionisti romani si è lasciata sedurre dal fascino di un centenario tabià.

Il caratteristico fienile alpino tutto in legno, è stato poi ristrutturato e trasformato in una splendida casa.

La struttura si affaccia su magnifici giganti di roccia: il gruppo del Sella da un lato, il Monte Civetta dall’altro e il Padon di fronte.

I proprietari frequentano questi luoghi da venti anni e avevano il desiderio di avere una casa di proprietà, nella quale anche la materia esprimesse sintonia con il paesaggio.


È stato quindi naturale individuare, in questa antica e ingegnosa architettura in legno, le potenzialità per un rifugio del cuore.

L’idea era quella di fare rivivere una struttura disabitata da tempo, rispettandone l’anima e il protagonista materico, il legno. Ho pensato a un progetto essenziale, nel quale si inserissero forme pure, partendo dallo stile di vita dei proprietari e dal desiderio di benessere abitativo. Le grandi travi sono state smontate, restaurate e rimesse nella loro posizione d’origine. Il larice pervade tutte le superfici, interpretando la continuità con il bosco che lambisce i margini della casa.

Cristina Pitton, architetto

Estratto Ville&Casali dicembre 2019

Altre letture consigliate

La passione per la montagna in uno chalet di Megève

Anne-Catherine Scoffoni

Il pavimento naturale che nasce nel bosco

Redazione Ville&Casali

Mood alpino e accenti Déco in una casa a Cortina

Paola Pianzola