Ristrutturazione di una mansarda in un palazzo storico

di Redazione Ville&Casali

Ristrutturazione di una mansarda

Siamo nella centrale piazza Vittorio Emanuele II a Pieve di Soligo, in provincia di Treviso, dove uno storico edificio, risultato di distinti episodi costruttivi succeduti in epoche diverse, è stato di recente protagonista di un progetto che ha visto la ristrutturazione di una mansarda. L’edificio è a pianta rettangolare allungata e si sviluppa su tre livelli, costituendo la quinta edilizia che delimita ad ovest la piazza del paese.

Ristrutturazione di una mansardaUna storia di molte trasformazioni

Molte e documentate sono le trasformazioni e gli ampliamenti a cui è stato sottoposto, in particolare a seguito dei danneggiamenti conseguenti ai conflitti bellici del primo ‘900. L’attuale organizzazione degli spazi e le caratteristiche decorazioni dei paramenti a trompe-l’oeil sono la conseguenza dei rimaneggiamenti eseguiti nel decennio 1920–1930. L’antico impianto, presumibilmente del Settecento, era destinato ad ospitare l’albergo “alla Stella d’Oro”; nel 1926, dopo uno dei primi interventi di recupero, è stato trasformato nella sede della Cassa di Risparmio della Marca Trevigiana.

Nel 2005 l’edificio è stato oggetto di un altro e radicale intervento di ristrutturazione con destinazione mista: commerciale al piano terra, residenziale e direzionale ai piani superiori. In questo contesto, nel 2013, si è intervenuti per ricavare un appartamento negli ampi spazi mansardati del sottotetto, caratterizzati dalla complessa articolazione delle originali strutture lignee.

Ristrutturazione di una mansarda: un progetto di recupero

Ristrutturazione di una mansardaIl progetto tende a recuperare l’antico impianto architettonico mortificato da interventi incongrui, valorizzando le peculiarità costruttive e formali originali, e a coniugare le nuove esigenze dell’abitare contemporaneo.

L’intervento ha seguito due direttrici: rimuovere gli strati e le finiture dell’ultimo restauro per recuperare il carattere originale degli ambienti e rispondere alle nuove necessità funzionali – distributive con soluzioni concepite come reversibili e formalmente distinte dal contesto.

La scelta progettuale individua nell’impiego di materiali contemporanei come acciaio, vetro e resine, declinati nelle tonalità del bianco, la nuova gerarchia compositiva, che assicura valore e autonomia all’insieme residenziale.

Valorizzazione stilistica e architettonica

Ristrutturazione di una mansardaIl risultato è una valorizzazione dell’ampia bifora in pietra e della struttura del tetto, di grande valore grazie al recupero e alla riqualificazione delle originali soluzioni tecniche di carpenteria, come gli incastri a “dardo di giove” e le capriate composte.

La radicale distinzione, ma anche la necessaria complementarietà, tra antico e nuovo, appare con evidenza nelle strutture centinate di collegamento su più livelli dei soppalchi.

Contribuiscono a raggiungere l’obiettivo progettuale i serramenti integrati e complanari al muro, con telai a scomparsa e senza cornici; la pavimentazione monolitica in grassello di calce e resina traslucida; i paramenti ad intonaco rasati a calce bianca opalescenti.

 

 

A cura di PAOLA ADDIS

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Puglia contemporanea

L’intervento di restyling dell’arch. Giuseppe Milizia...

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Un casale aperto alla natura

A Città della Pieve, un antico fabbricato è diventato...

Ville&Casali su Instagram