Nuove prospettive sulle Dolomiti

di Redazione Ville&Casali

Dolomiti

A1200 metri d’altezza, in mezzo al paesaggio protetto delle viles e alle Dolomiti, sorge “La Pedevilla”, due edifici (casa familiare e chalet) inseriti prudentemente in un ripido pendio, che riproducono il modello locale del maso a coppia. Le viles sono piccoli borghi che, nel corso dei secoli, si sono sviluppati sui ripidi pendii della valle dando vita a diverse strutture, tipiche del paesaggio culturale della Val Badia, valle laterale della Val Pusteria. Si tratta di piccoli gruppi di masi, alcuni dei quali ancora conservati che, a differenza dei singoli, hanno lo scopo di formare una comunità e con essa una compattezza, caratterizzata da sostegno e prossimità reciproca, solidarietà e servizi agricoli elementari tra le famiglie che vi abitano.

Un lavoro d’eccellenza tra le Dolomiti

Progetto La PedevillaProgettazione e direzione dei lavori sono stati eseguiti dallo studio Pedevilla Architekten (www.lapedevilla.it), dei fratelli Armin e Alexander Pedevilla, e dall’architetto Caroline Willeit. Importanti premi, come Best Architects 2011-2013-2015 Ait Award 2012 e il Premio d’Architettura Alto Adige 2013, dimostrano il singolare contributo dato dai fratelli Pedevilla alla cultura architettonica della zona, definendo nuovi standard attraverso un linguaggio modellato dalle condizioni climatiche spesso difficili e dai ripidi pendii del paesaggio alpino. L’idea degli architetti è stata quella di ricalcare la cultura tradizionale utilizzando però tecnologie attuali, al passo coi tempi e nel pieno rispetto dell’ambiente.

I due edifici si sviluppano su una struttura totale di 355 mq, costruita interamente in calcestruzzo, con aggiunta di pietra dolomia. Per la facciata esterna sono stati utilizzati pino e larice locali dipinti di nero, abbattuti durante la giusta fase lunare, l’anno precedente l’inizio dei lavori.

Legno e materiali naturali

Vista sulle DolomitiIl manto in legno sporgente e circolante ricorda le facciate in legno con logge integrate e protette dal vento delle vecchie strutture del borgo dove sorge “La Pedevilla”. Anche per l’interno degli edifici i materiali utilizzati sono legno e calcestruzzo.

La maggior parte dei pavimenti, porte, finestre e mobili, sono stati realizzati con pino massiccio, non trattato e piallato a mano.

Il resto, pareti, soffitti e alcuni pavimenti, in calcestruzzo a vista, il cui bianco interagisce col colore chiaro del legno. Entrambe le strutture vivono in piena autonomia energetica. Tutto ciò che serve a renderle autosufficienti viene, infatti, fornito da una sorgente d’acqua, energia solare passiva, energia geotermica e un sistema fotovoltaico integrato sul tetto.

 

di FEDERICA FORTE foto di CORRADO BONOMO

 

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Emozioni azzurre sul Lago di Bracciano

A nord di Roma, la natura crea un quadro dalle sfumatu...

Una villa proiettata verso l’infinito

Costruita dallo studio MYGG di Milano su un vecchio ru...

Nuotare da sportivi

Le piscine abbandonano le forme sinuose per privilegia...

Ville&Casali su Instagram