Pubblicità
Pubblicità

Le nuove frontiere della terracotta

di Claudia Schiera

Le nuove frontiere della terracotta
Nasce da una collaborazione con Patricia Urquiola la collezione Celosia di Mutina

Versatile e sostenibile è un materiale antico che permette di sperimentare nuove soluzioni d’arredo decorative

L’argilla e la terracotta sono state, negli ultimi anni, come “riscoperte” e stanno assumendo un ruolo sempre più da protagonista nei progetti di interior. Versatili e di antica tradizione, queste interessanti componenti di costruzione si stanno imponendo nel mondo del design sotto forma di pareti decorative, come arredi e complementi, ma anche come finiture a parete. In quest’ultimo caso, sono ripensate in un’inedita versione dall’appeal estremamente accattivante e sostenibile.

Le nuove frontiere della terracotta
Archi+ Argilla è l’intonachino, a base di calce e argilla, che dona nuova vita a un elemento storico come la terra cruda

Matteo Soddu, architetto di Studio Tamat racconta a Ville&Casali come utilizza spesso elementi di questo tipo: “nei nostri progetti proponiamo materiali naturali, in quanto rendono gli spazi interni più accoglienti, confortevoli e in continuità con l’esterno. Soprattutto dopo aver vissuto un lungo periodo di lockdown, in cui siamo stati rinchiusi ognuno nella propria abitazione, si è diffuso il bisogno di ritrovare un contatto con la Natura…

Articolo pubblicato su Ville&Casali di Luglio 2022

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.