Pubblicità
Pubblicità

Studio Memo e Cantori: La percezione di un’emozione

di Veronica Balutto

Uno stile raffinato ed elegante, dinamico per forma ed accostamenti materici, è l’anima di un progetto dell’arch. Maurizio Manzoni.

Manzoni ha fondato, nel 2001, lo Studio Memo di Firenze, la cui caratteristica è la multidisciplinarità.

Lo studio tratta: industrial design, interior decoration, architettura, ma anche la comunicazione visiva e la ricerca stilistica, che permettono la collaborazione con le maggiori aziende a livello nazionale e internazionale.

«La coerenza formale e la gestione delle proporzioni, insieme alla funzionalità, sono alla base per l’ideazione di un prodotto vincente. L’uomo ha innegabilmente una propria capacità di percepire il ‘bello’. Il mio obiettivo è toccare questi sentimenti, creando interesse e curiosità in chi osserva i prodotti. Con emozione. Per riuscirci serve una cura attenta degli aspetti visivi del prodotto ricercando la sinergia tra il mio sentire e la percezione del mondo che mi circonda e che guida la mia idea.»
Maurizio Manzoni

Per Manzoni l’ispirazione nasce dalla richiesta del committente, dalle necessità e aspettative della clientela.

«Importante in questa fase é prendere coscienza del DNA e della storia produttiva del marchio per il quale si progetta.»
Maurizio Manzoni

La fase creativa ha il suo fascino: da una parte è cosciente, dall’altra affonda le radici in logiche inconsce, nate in anni di formazione intellettuale e che si rinnovano costantemente nel vivere quotidiano.

«La definizione stilistica è fondamentale per arrivare a un processo di rivitalizzazione continua, in cooperazione con il committente. Pensando ad una splendida collaborazione, mi viene in mente l’azienda Cantori. Sin dai primi approcci al tema, è stata chiara la comunione di intenti e la lettura che volevo dare a questa collaborazione.»
Maurizio Manzoni

Sono bastate poche parole per trovare il pieno appoggio del fondatore dell’azienda, Sante Cantori.

Cantori ha accolto a braccia aperte la proposta di ritrovare le radici storiche del marchio andando a sfruttare le capacità di trasformazione del metallo, la forgiatura, la magia del ferro battuto. Un percorso creativo a ritroso che è andato a recuperare materie e lavorazioni, ancora vive nel nostro immaginario collettivo, ma utilizzate in epoche remote.

Una visione vincente per lo Studio Memo:

«Senza fermarsi, per continuare a crescere con chi sente di poter evolvere insieme a noi. Con un occhio alle materie naturali e all’ecosostenibilità, i temi del futuro, frontiere per chi vuole superare il livello attuale del progetto.»
Maurizio Manzoni

Approfondimenti:

Scopri altre personalità di rilievo del mondo del design, leggi Carlo Colombo: non c’è design senza arte

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Puglia contemporanea

L’intervento di restyling dell’arch. Giuseppe Milizia...

Un casale aperto alla natura

A Città della Pieve, un antico fabbricato è diventato...

Ville&Casali su Instagram