fbpx
19 Settembre 2019
Ville&Casali
Scaldare la casa
Arredare Interni

Scaldare la casa con stile

Arredare e scaldare la casa con stufe e camini con performance migliori e in cui la fiamma appare sempre più suggestiva: è questa la tendenza della produzione moderna.

Le aziende puntano, inoltre, a consumi minimi e al massimo comfort. Il design rimane, comunque, importante.

Il pubblico non si aspetta più prodotti che siano solo in grado di offrire ottime prestazioni di funzionamento, ma anche che siano esteticamente piacevoli e integrabili con l’arredamento più ricercato,” spiega Andrea Brosolo, direttore marketing di MCZ Group.

Abbiamo pensato a stufe dalle forme “tonde”, in questo momento particolarmente apprezzate dal mercato. Abbiamo progettato una camera di combustione completamente nuova, più grande e più proporzionata, con un movimento della fiamma ancora più naturale, che favorisce una visione del fuoco ancora più emozionante”.

Le stufe diventano più “intelligenti” e silenziose, sicure ed autopulenti. Spesso la sensazione di caldo, arriva quasi nell’immediato, coadiuvata anche da una più facile gestione, tramite apparecchi in remoto.

La tecnologia che sviluppiamo va incontro alle esigenze di chi usa i nostri prodotti, che non devono essere solo belli, ma anche facili da programmare e veloci da pulire”, aggiunge Chiara Palazzetti, Ad Marketing e comunicazione dell’azienda di Pordenone.

L’azienda ha individuato anche una fascia di mercato che non abbandona il classico ciocco di legno: ha sviluppato stufe a legna tradizionali che sono però accompagnate da una tecnologia orientata ad ottenere rendimenti sempre migliori”.

Puntiamo sulla ricerca e l’innovazione. Infatti l’azienda vanta un laboratorio privato, dedicato allo studio della combustione solida. La nostra ricerca parte sempre da un’attenta analisi delle esigenze di chi, poi, il prodotto lo avrà in casa e lo dovrà usare ogni giorno” conclude Chiara Palazzetti.

Scaldare la casa con il pellet

Oggi la scelta del migliore “mezzo” per riscaldare casa cade sempre più sulla stufa a pellet: un combustibile molto pratico e funzionale, con un altissimo rendimento e un conseguente vantaggio economico.

Siamo orientati ad una produzione dove la ricerca si orienta ad un alto livello tecnico funzionale, per realizzare prodotti che abbiano un’elevata capacità produttiva, senza rinunciare ad un prezzo competitivo” afferma Carlo Piazzetta, amministratore unico del Gruppo Piazzetta. “Il fuoco è il vero centro della casa ed è necessario unire qualità ed estetica”.

Non solo design, quindi, ma soprattutto funzionalità, anche in vista delle restrizioni in materia di impatto ambientale, previste dalle direttive dell’Ecodesign 2022.

Per quanto riguarda l’alta sostenibilità, in apertura vediamo la Serie S di Jolly Mec, una serie di termostufe adatte per le nuove abitazioni a basso consumo energetico. Il sistema ermetico permette di utilizzare al 100% aria esterna, senza mai prelevare aria dall’ambiente interno.

Deco di Mcz Group è una stufa a pellet realizzata interamente in ghisa. Una forma elegante e contemporanea: la tecnologia del pellet si abbina ad un aspetto elegantemente retrò, ispirato ai prodotti a legna di gusto tradizionale.È disponibile nella finitura in ghisa naturale o, per un’alternativa ancora più rustica, in ghisa smaltata verde.

La novità Texpack del 2017 è Tenerè, pratico e robusto portalegna in gomma proveniente dal riciclo degli pneumatici dei camion.

Stufa Tonwerk modello T-Eye è una stufa ad accumulo; in quanto girevole offre uno spettacolo di fuoco a 360°. La combustione avviene in modo automatico- meccanico senza intervento

 

 

 

A cura di VERONICA BALUTTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre letture consigliate

La magia del fuoco

Redazione

Stuv 30 Compact Alto di Montexport: un calore lunga durata

Redazione

Stile contemporaneo in Val Tidone

Redazione Ville&Casali