Pubblicità
Pubblicità

Ristrutturazione di un appartamento degli anni ’70 in versione luxury

di Paola Pianzola

L’interior designer Claudia Pelizzari ripensa una casa a Milano con i complementi di arredo e i toni del verde di moda mezzo seccolo fa, dando nuova vita per un appartamento milanese costruito negli anni ’70, il decennio “creativo” per antonomasia. Ma gli anni passano e le case, anche se belle, “invecchiano”.

Un appartamento di 200 metri quadrati ristrutturato senza perdere il fascino degli anni ’70.

Il tema affrontato dal team guidato dall’interior designer Claudia Pelizzari è stato proprio quello di ripensare completamente un’abitazione di circa 200 metri quadri – dedicandola a una famiglia con due figli – alla luce degli standard di qualità ambientale e architettonica più attuali, senza perdere del tutto il sapore e il ricordo di un decennio che si è fissato nella memoria collettiva come un periodo contraddittorio, carico di energia culturale, caratterizzato anche da frizioni sociali, ma certamente vivace e “full of life”.

L’eco del gusto di quegli anni rimane in alcune scelte cromatiche che privilegiano, per qualche particolare d’arredo e come colore applicato a porzioni di pareti, i toni del verde in varie versioni, e nello stile seventy di alcuni complementi d’arredo.

La cucina riprogettata dall’architetto Pelizzari

Il cantiere è stato portato a termine a tempi di record. Considerando la radicalità dell’operazione: i lavori di ristrutturazione, che hanno anche previsto l’installazione di impianti tecnologici di ultima generazione, sono durati solo tre mesi. Tutte le fasi dei lavori sono state coordinate e gestite interamente dai tecnici dello studio Claudia Pelizzari Interior Design, in collaborazione con gli artigiani eccellenti che sono stati gli indispensabili compagni di viaggio in una ristrutturazione di alto livello.

[penci_blockquote style=”style-2″ align=”none” author=”Claudia Pelizzari, architetto che ha curato tutte le fasi della ristrutturazione “]I progetti del nostro studio sono frutto di un’equilibrata ricerca tra tecnologia, materiali, stile, contaminazioni tra moda e arte contemporanea. Le richieste del committente vengono interpretate alla luce di questo metodo creativo e ogni elemento compositivo dell’ambiente è disegnato in esclusiva. In questo caso l’intervento di ristrutturazione è stato completo e ha previsto la totale demolizione delle partizioni interne e la rimozione dei vecchi pavimenti, sostituiti con rivestimenti in lastre di grande formato di gres porcellanato e resine epossidiche, per dare una nuova configurazione alla distribuzione interna degli spazi.[/penci_blockquote]

Foto di Mattia Aquila

Vuoi leggere l’articolo completo e guardare tutte le foto del progetto di ristrutturazione? Sfoglia il numero di Ville&Casali di gennaio 2019 o abbonati qui con il meraviglioso sconto del 60% per il nostro 30esimo compleanno!

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Puglia contemporanea

L’intervento di restyling dell’arch. Giuseppe Milizia...

Un casale aperto alla natura

A Città della Pieve, un antico fabbricato è diventato...

Ville&Casali su Instagram