Come distinguere le ceramiche siciliane

di Letizia Riccio

Come distinguere le ceramiche siciliane
Le Mattonelle di Maremoro

Il fascino dei colori diversi nelle lavorazioni a mano di Burgio, Caltagirone, Sciacca e Santo Stefano di Camastra

Caltagirone, Burgio, Sciacca, Santo Stefano di Camastra: le ceramiche siciliane raggiungono l’eccellenza in queste località, dove le tradizioni millenarie sposano l’industria contemporanea. La produzione di Caltagirone (Catania) affonda le radici nel IX secolo, quando gli arabi portarono nell’isola le loro tecniche, fra le quali l’invetriatura.

Pubblicità
Come distinguere le ceramiche siciliane
Il piatto con testa di Ceramiche Sabella

L’ottima qualità delle argille del luogo ha dato impulso alla produzione artigianale; gli oggetti furono decorati in azzurro cinerino e poi in blu, divenuto prevalente fin dal XIV secolo. Le ceramiche classiche di Caltagirone si riconoscono dal fondo blu cobalto e bianco, con motivi generalmente floreali gialli e verdi e bordi giallo oro. Accanto alle tante aziende nate nel corso dei secoli, ci sono realtà più recenti, come Maremoro. Anna Marconi e Manuela Bertelli, responsabili dell’azienda, spiegano: “I nostri prodotti sono lavorati a mano…

Articolo pubblicato su Ville&Casali di Giugno 2022

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.