Il paradiso della buona cucina

di Alessandro Luongo

Langhe-Roero e Monferrato, da terre della “malora” a patrimonio dell’Umanità aperte a un turismo enogastronomico di nicchia ma di alta qualità

Fino a 20 – 25 anni fa questi posti erano conosciuti solo per “La malora” di Beppe Fenoglio, il romanzo pubblicato nel 1954 che raccontava della “malasorte” che colpiva una terra avara, abitata da persone prostrate dalla miseria e dalle ingiustizie. Un’opera che ha come protagonista la famiglia Braida, che vive nell’alta Langa, una zona collinare povera di vegetazione e di acqua, dove la terra non era fertile e il cibo era scarso. Eppure, proprio a quel mondo contadino si deve il “miracolo” avvenuto nelle Langhe-Roero nell’ultimo quarto di secolo.

Pubblicità

Se l’Unesco, nel 2014 ha difatti riconosciuto l’eccezionale valore universale di questo paesaggio vitivinicolo come unico al mondo, si deve proprio al sapiente lavoro di generazioni di contadini che hanno saputo costruire e mantenere nel tempo un paesaggio di straordinaria bellezza e grandi tradizioni – spiega Elisabetta Grasso, direttore del Consorzio turistico Langhe Monferrato Roero – con un’elevata qualità della produzione di vini”…

Articolo pubblicato su Ville&Casali ottobre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Emozioni azzurre sul Lago di Bracciano

A nord di Roma, la natura crea un quadro dalle sfumatu...

Una villa proiettata verso l’infinito

Costruita dallo studio MYGG di Milano su un vecchio ru...

Un’isola che incanta

Simone Ciarmoli e Miguel Queda hanno costruito il loro...

Ville&Casali su Instagram