fbpx
19 Giugno 2019
Ville&Casali
Itinerari Primo Piano Sicilia

Storia, natura e mare: l’oasi di Vendicari

Acque cristalline, un’antica torre lambita dal mare, grandi uccelli migratori: tutto questo, e molto altro, si trova all’oasi di Vendicari, in provincia di Siracusa. Tra Noto e Pachino, la riserva è stata istituita nel 1984 e si  estende per oltre 1500 ettari, con otto chilometri di costa. Un gioiello naturalistico tutto da esplorare, anche attraverso attività di snorkeling o birdwatcing.

Dalle tartarughe ai fenicotteri rosa: la fauna di Vendicari

La particolare conformazione dell’oasi, dove si alternano pozze e specchi d’acqua, la rende una meta particolarmente amata dagli uccelli migratori, che qui trovano il primo approdo dopo la lunga traversata del mediterraneo. Tra questi gli aironi cinerini, i gabbiani reali e i fenicotteri rosa, che di anno in anno diventano sempre più numerosi. Dopo un’assenza durata oltre vent’anni, sono recentemente tornate anche le tartarughe caretta caretta. Un’ulteriore testimonianza di come l’oasi si sia mantenuta intatta nonostante l’aggressiva presenza dell’uomo.

Trekking, snorkeling e birdwatching

Oasi di Vendicari, Torre Sveva

L’oasi è prima di tutto un punto privilegiato per gli amanti del birdwatching, proprio per via delle numerose specie che, durante tutto l’anno, si alternano all’interno della riserva. Ma Vendicari offre anche altre attività. Una di queste è senz’altro lo snorkeling: tra pesci variopinti e piante acquatiche, sotto il pelo dell’acqua è pieno di tesori da scoprire. I luoghi più consigliati la spiaggia rocciosa di Calamosche (vicino alla Torre Sveva) e quella di Marianelli. Anche per gli amanti dell’escursionismo non mancano emozioni: non è trekking allo stato puro (la zona è piuttosto pianeggiante) ma la bellezza della natura compensa, se necessario, la mancanza di dislivello. In particolare la spiaggia di Calamosche, nel 2005, è stata insignita del titolo di “Spiaggia più bella d’Italia”, dalla Guida Blu della Legambiente.

Tre percorsi tematici della Riserva di Vendicari

Tre sono i possibili itinerari: blu, verde e arancio. Il blu, l’itinerario balneare, abbraccia la parte nord della riserva e passa dagli scavi dell’antica città greca, dalla spiaggia di Marianelli e da Calamosche, la spiaggia più famosa spiaggia della Riserva. L’itinerario arancio è quello naturalistico, perché tocca la maggior parte dei capannoni del birdwatching. Ma permette di visitare anche l’antica tonnara e la Torre Sveva del XV secolo. Infine l’itinerario Verde è quello più lungo e più a tema archeologico, perché permette di visitare la Cittadella, la Trigona e le Necropoli bizantine.

Indirizzario web:

Visita il sito web della Riserva di Vendicari

Approfondimenti:

Gusta il progetto di Una casa per vivere immersi nella natura della Sicilia

Altre letture consigliate

Una casa per vivere immersi nella natura della Sicilia

Paola Pianzola

Il nero d’Avola che piace in Francia

Loredana Ficicchia

L’arte trionfa a Modica in un progetto di ristrutturazione

Marcella Guidi