Pubblicità
Pubblicità

Carota viola di Viterbo: una storia secolare

di Redazione Ville&Casali

carota viola

La carota viola di Viterbo risale all’antica tradizione etrusca e se ne erano perse le tracce per molto tempo.

Ultimo custode geloso di questo seme è rimasto a Viterbo qualche appassionato, che pazientemente riesce ancora a raccoglierne la quantità sufficiente per mantenere la tradizione di questo piatto.

Fino a qualche anno fa anche le suore di clausura del Monastero di S. Rosa, la santa di Viterbo, la preparavano e conservavano, per farne dono a benefattori ed amici.

La prima notizia certa risale al 1827, anno in cui è datata una certa ricetta di queste carote che il solerte dottor Attilio Carosi ha ritrovato fra i tanti documenti della Biblioteca degli Ardenti di Viterbo.

Per molti anni queste carote vennero preparate prevalentemente dalle famiglie aristocratiche cittadine e conservate in artistici vasetti di terracotta dei quali si conservano ancora alcuni esemplari, che andrebbero raccolti come testimonianza del costume e delle tradizioni locali.

Successivamente gli Schenardi, proprietari dell’omonimo famoso caffè, si diedero alla confezione di queste carote, perfezionandosi al punto da ottenere il primo premio all’Esposizione di mostarde e carote tenutasi in S. Francesco a Viterbo nel 1879.

Sembra che ebbero modo di apprezzare questa specialità viterbese Giuseppe Garibaldi e Gregorio XVI, Ferdinando IV e Carolina d’Austria, mentre, sempre secondo alcune voci, abituali consumatori erano i regnanti di casa Savoia.

Dove trovare oggi la carota viola

Oggi è possibile gustare la carota viola nella tradizionale ricetta con cannella, noce moscata, uva passa e pinoli, grazie al lavoro di Luca Ingegneri, titolare dell’azienda agricola “La Cisterna del Marchionato”, a Capranica (VT).

carota violaDopo la laurea in Conservazione dei Beni Culturali”, racconta Luca a Ville&Casali, “ho deciso di lavorare nell’azienda di famiglia e mi sono impegnato per riportare in auge ricette e prodotti dimenticati, come la carota viola, ma anche il mosto cotto o la torta di ricotta di pecora, amata da Federico II. Mi piace girare per vecchi archivi e scovare ricette dimenticate, per riproporle. Così ho recuperato un seme della carota e ne ho ripreso la coltivazione. Seguendo l’antica ricetta, abbiamo riprodotto la crema di carote viola, ideale da servire con la carne lessa”.

Per informazioni tel. 0761.481295 lacisterna.vt@gmail.com

 

 

 

A cura di Francesca Pierpaoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Le pensiline più belle

Bellhouse Pensiline è un’azienda specializzata nella r...

Atmosfere rural-chic

L’interior designer Gian Paolo Guerra elabora lo stile...

Stile country in piena privacy

Una villa panoramica è immersa nel verde di Campagnano...

Arredare la casa con l’eleganza della pietra

Un nuovo concetto di rivestimento per interni ed ester...

Una villa racchiusa in un colpo d’occhio

Ristrutturata dall’architetto Stefano Dorata con la co...

Ville&Casali su Instagram