fbpx
10 Dicembre 2019
Ville&Casali
Arte del ricevere

Invito in spiaggia

Nel programmare un evento, avere ben chiaro in mente l’atmosfera che si vuole evocare attraverso l’allestimento e il menu è un punto di partenza fondamentale che può determinare la buona o la cattiva riuscita dell’invito. Sembra un’ovvietà, ma va sottolineato che ricevere volendo trasmettere allegria e informalità non è come ricevere con intenti romantici. Infatti, per le due occasioni si penseranno a locations e scenografie adeguate e rappresentative dell’emozione che si intende suscitare negli ospiti: un giardino colorato e vivacemente decorato per un invito gioviale, una spiaggia al tramonto, illuminata da candele per una cena fra innamorati.

La natura è musa ispiratrice anche nell’arte del ricevere e regala scenografie mozzafiato come la spiaggia di San Vincenzo in provincia di Livorno che ha ospitato l’elegante “invito in spiaggia” di Mariquita Papi.  Nulla è più lussuoso della natura che sboccia in splendore con le decorazioni della tavola: un cespo di insalata e conchiglie adagiate su alzatine in vetro.

Per una cena all’aperto è consigliabile rinunciare ad apparecchiature sfarzose e preparazioni elaborate e attenersi alla sobrietà che con qualche giusto accorgimento può diventare eleganza. La natura guida nella scelta dei colori da impiegare per il table setting; infatti, scegliendo delle tonalità in armonia con il paesaggio circostante difficilmente si cade in errore. Una tovaglia in lino, minimale e raffinata, piatti che richiamano la location, vetro soffiato dalle linee pulite ed essenziale, un tocco di silver e la tavola è pronta per essere ammirata e vissuta.

Cenare all’aperto diventa un piacere ancora più intenso se le preparazioni sono realizzate con prodotti locali. I crostacei con rosmarino e sale grosso marino e la frittura con fiori di campo, preparati dalla chef Angela Caruso Copelotti, sono in sintonia con l’allestimento. Nel menu à la plage si possono prevedere delle preparazioni sfiziose e da mangiare con le mani, a patto di non dimenticare di disporre a tavola delle ciotole lavadita con acqua e limone o acqua alle rose.

Infine, la natura regala gli ultimi dettagli che fanno atmosfera: il suono delle onde come sottofondo musicale e il tramonto per illuminare ogni attimo della cena. E a sol calato, si potranno accendere una ad una le numerose candele disposte strategicamente attorno al tavolo in belle lanterne di legno.

ph. Betty Colombo

Altre letture consigliate

Open space industrial ma molto chic

Eleonora Bosco

GamFratesi, il perfetto equilibrio tra design danese e design italiano

Master Master

Progetto villa: al centro della scena c’è il lago di Garda

Paola Pianzola