Una casa sostenibile

di Redazione Ville&Casali

Una casa sostenibile
Foto di Benedetto Tarantino

Casa GV è nata dall’intervento di ristrutturazione di una parte di una villa bifamiliare preesistente.

Il progetto firmato dallo studio dall’architetto Smecca si trova nella borgata di Mondello, la famosa località balneare prossima alla città di Palermo. Nata con il preciso intento di creare un edificio che utilizzasse materiali ecosostenibili ha previsto, fin dalla fase di studio, un uso attento delle componenti e della tecnologia finalizzati al raggiungimento del comfort termoigrometrico e al risparmio energetico. Parquet in legno, pietra, pareti di verde verticale, aree verdi all’esterno sono solo alcuni degli elementi pensati dentro un percorso di sostenibilità. Fra le richieste dei clienti il desiderio di spazi esterni vivibili e accoglienti, tradotti dal progettista in un giardino dal carattere minimale, una piscina e delle aree relax. Oltre a questo, nessuna esigenza particolare, soltanto attenzione alla distribuzione funzionale degli ambienti e in particolare alla realizzazione di quattro camere da letto. Nel progetto di ristrutturazione è stato dato particolare risalto al sistema indoor/outdoor. Sono state ampliate le dimensioni delle aperture per creare degli ambienti che fossero più luminosi possibile e per godere al meglio il rapporto con lo spazio esterno. Inoltre, è stata realizzata ex novo una piscina che proprio in prossimità della zona living regala giochi di riflessi particolari accentuando il rapporto fra interno ed esterno.

Pubblicità
Una casa sostenibile
Foto di Benedetto Tarantino

All’interno, il colore protagonista è il bianco opportunamente riscaldato dai rivestimenti in marmo e in rovere naturale e tinto, ma anche dalle finiture dei mobili su misura e dai tessuti. Al piano terra, è stato realizzato un open space con zona living, parete attrezzata e camino progettati su disegno. Imbottiti e arredi sono tutti pezzi di design realizzati da aziende del Made in Italy. La cucina, un modello di Arrital, è stata completata da mobili disegnati su misura e cela gli ingressi per il bagno ospiti e per la lavanderia. Gli spazi, resi particolarmente luminosi dalle ampie aperture, permetteono di godere visivamente (e non solo) del giardino durante tutte le stagioni dell’anno. Piantumato con due grandi ulivi, è integrato alla piscina, quest’ultima volutamente prossima a un ingresso della casa sembra far parte dello spazio interno. Punti di forza dell’abitazione sono la libertà compositiva del living, la luce naturale e l’uso di materiali caldi e avvolgenti per finiture e arredi che ben contrastano con il candore delle pareti e dei soffitti bianchi, oltre a un attento progetto illuminotecnico.

Articolo pubblicato sullo Speciale Architetti 2023

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti