Pubblicità
Pubblicità

Portico o veranda: la casa cambia faccia

di Redazione Ville&Casali

portico

In occasione di un magnifico restauro vicino ad Asolo, dove dalle rovine di una casa colonica di fine ‘800, è sorta un’abitazione accogliente, gli architetti hanno realizzato un magnifico portico. Non è stato l’unico intervento strutturale: assieme a un look rustico grazie ad arredi di arte povera, numerosi camini hanno contribuito a “riscaldare” l’ambiente e il portico ha reso la facciata ariosa e gradevole. Abbiamo quindi chiesto agli architetti di questo lavoro di parlarci del processo di realizzazione del portico.

Salva il legame con il passato

portico-2“Il pericolo di una ricostruzione realizzata con materiali moderni poteva essere quello di ottenere un edificio ibrido che male si integrava con il paesaggio rurale di cui aveva sempre fatto parte; per questo abbiamo deciso di utilizzare quasi esclusivamente materiali di recupero sia per gli elementi costruttivi a vista che per le finiture, mentre per quelli di nuova realizzazione si è cercato di usare materiali e tecniche tipici dell’edilizia tradizionale locale. Per la scelta dei materiali è stato fatto un lavoro di ricerca e di recupero che è durato due anni; addetti ed esperti del settore hanno fornito, restaurato e messo in opera i materiali in maniera armonica“.

L’importanza del portico

“Piccole modifiche prospettiche, come i modesti spostamenti di fori finestra, si sono resi necessari per rispettare sia la nuova distribuzione interna dei vani che le attuali normative sull’illuminazione e la ventilazione degli ambienti. L’entrata in vigore della L.R. 14/2009 (Piano Casa) ha permesso poi di aggiungere al corpo di fabbrica due portici che vanno ad aumentare il chiaroscuro dei prospetti, a smorzare la rigidità e la compattezza del volume originario e che concorrono a definire formalmente l’aspetto “rurale” dell’edificio. Oltre a questo, i vincoli paesaggistici e architettonici esistenti ci hanno imposto un rigoroso intervento di ricostruzione formale dell’edificio; la committenza voleva che l’abitazione continuasse a trasmettere il “sapore” dell’antico rustico di campagna, senza lasciar trasparire elementi costruttivi contemporanei.”

 

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Oasi di pace e bellezza

Posizionata sul ramo orientale del lago, proprio di fr...

Come arredare l’antibagno: normative e idee

L'antibagno è una zona molto particolare della casa, di...

Una villa sul lago d’Orta ecosostenibile e high tech

Gli ambienti moderni dai colori sobri di una nuova cos...

vivere in un fienile

Vivere in un fienile trasformato in una dimora da sogno

Un edificio in pietra e sassi, tipico delle Langhe, ris...

Design moderno con vista sul Colosseo

Un attico e superattico ristrutturato dallo studio Alv...

Ville&Casali su Instagram